SENIGALLIA / Cresce la preoccupazione per la realizzazione di una centrale idroelettrica a Bettolelle

SENIGALLIA / Cresce la preoccupazione per la realizzazione di una centrale idroelettrica a Bettolelle

Dopo l’alluvione del 3 maggio 2015, la sicurezza dei cittadini e della città dovrebbe essere al primo posto sia per l’Amministrazione comunale, sia per la Regione Marche e la Provincia di Ancona

di GIORGIO SARTINI*

SENIGALLIA – Dopo l’alluvione del 3 maggio 2015, la sicurezza dei cittadini e della città dovrebbe essere al primo posto sia per l’Amministrazione comunale che per la Regione Marche e la Provincia di Ancona.

Non è purtroppo così!

Proprio alcuni giorni fa, il 14 aprile, ho infatti inviato una PEC (PEC Inviata) alla d.ssa Geol. Gloria Anna Sordoni  della Segreteria Tecnica dell’Autorità di Bacino e al dirigente ing. Gianni Roccato del comune di Senigallia per segnalare il progetto in fase di avvio: “Realizzazione di mini impianto idroelettrico della potenza max di 85,80 kW sul fiume Misa in località Bettolelle nel comune di Senigallia. Soggetto proponente Energy Seekers S.r.l. di Ostra (AN)”. Nei giorni precedenti l’ing. Roccato aveva infatti notificato l’“esecuzione dell’ordinanza di occupazione d’urgenza preordinata all’imposizione di servitù di elettrodotto su immobili per la realizzazione di una micro-centrale idroelettrica in loc.tà Bettolelle.” (Allegato 1)

SENIGALLIA / Cresce la preoccupazione per la realizzazione di una centrale idroelettrica a Bettolelle

La realizzazione di tale centrale prevede di realizzare  un innalzamento della diga presente nel letto del fiume, circa 500 metri prima del ponte delle Bettolelle, di 1,5 metri senza avere subito la valutazione ambientale  sui lavori relativi all’assetto di progetto del fiume Misa (Allegato 2).

Ho pertanto comunicato ufficialmente quanto di seguito riportato: “Gli atti suindicati consentono la realizzare un mini impianto idroelettrico della potenza max di 85,80 kW sul fiume Misa in località Bettolelle nel comune di Senigallia e pertanto tale opera verrà ad interferire, a nostro parere in modo rilevante con la dinamica del fiume Misa durante gli eventi di piena, trovandosi poco a monte della strettoia prevista per la realizzazione della vasca di compensazione idraulica ed in fase di realizzazione a Brugnetto di Senigallia.

Per la realizzazione dell’impianto è previsto un innalzamento mobile di 1,5 metri dell’opera cementizia esistente ma dagli atti in nostro possesso non ne è stata valutata l’interferenza con l’Assetto di Progetto del Misa – Nevola. (Allegato 3)

Si chiede pertanto di valutare l’interferenza dell’opera alla luce dell’Assetto di Progetto del Bacino Idrografico della Media e Bassa Valle del fiume Misa (Delibera 67 – 25 marzo 2016 del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino Regionale delle Marche) e di provvedere nel frattempo alla sospensione cautelativa dei lavori in attesa del risultato della valutazione richiesta”.

Di tale realizzazione ne era all’oscuro la d.ssa Geol. Gloria Anna Sordoni  della Segreteria Tecnica dell’Autorità di Bacino come pure l’intero tavolo di lavoro del Contratto di Fiume. Il Contratto di Fiume è quell’ambito in cui tecnici, associazioni, comune, e regione stanno lavorando per individuare gli interventi da realizzare sull’intero bacino per mettere in sicurezza, quanto più possibile, la citta di Senigallia dalle piene improvvise del Misa.

Allora mi chiedo, dato che quantomeno l’ing. Gianni Roccato (che ha firmato il decreto) che l’assessore Maurizio Memè (con cui ne ho parlato personalmente) ne erano a conoscenza, non dovevano richiedere di far valutare l’impatto che l’opera avrebbe avuto durante le piene del Misa prima di dare l’assenso per le autorizzazioni e poi procedere con gli espropri?

*Consigliere comunale Senigallia Bene Comune

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it