Con la “Cagli dei Presepi” alla scoperta di chiese e palazzi ricchi di storia

Con la “Cagli dei Presepi” alla scoperta di chiese e palazzi ricchi di storia

CAGLI – “Cagli dei Presepi” è pronta a mettere in mostra dal 8 dicembre al 6 gennaio le sue bellezze che faranno da cornice alla Rassegna che si appresta quest’anno a celebrare degnamente il traguardo della XX edizione.

Passeggiando tra le vie e le piazze della cittadina si potranno visitare numerose chiese di varie epoche e godere della vista di edifici storici e angoli suggestivi nel percorso che si snoda appunto tra conventi, cripte, portali, chiese e palazzi eretti dal secolo XIII in poi tra i quali spiccano la mole medioevale del Palazzo pubblico tuttora sede del Comune, Palazzo Berardi Mochi-Zamperoli, la bellissima facciata in bugnato di Palazzo Preziosi Brancaleoni, il Torrione Martiniano e vari altri edifici che hanno contribuito allo sviluppo della comunità e ad abbellire la cittadina nei secoli e che in questa occasione per un mese all’anno vicino a dipinti, arredi ed affreschi che li arricchiscono accolgono anche i vari presepi artigianali della rassegna che provengono anche da altri comuni come Sanremo, Carpegna o Anghiari.

Entrando da una delle antiche porte della città come Porta Lombarda o Porta Massara si potranno ammirare le meraviglie architettoniche della Chiesa di San Domenico o di San Nicolò, ma anche la Cattedrale, la Chiesa di San Bartolomeo, quella di San Giuseppe, o di Sant’Angelo, di San Francesco, Santa Chiara, di San Pietro nel monastero benedettino, luoghi di culto che accolgono opere del Lapis, di Giovanni Santi, di Timoteo Viti, Michelangelo Boni ed altri.

Novità di quest’anno l’allestimento di un presepe a grandezza naturale che verrà allestito nei locali dell’associazione LapisARTE che opera all’interno della ex Scuola d’Arte dove saranno in mostra anche tante opere in metallo, pietra, stoffa degli allievi che hanno frequentato l’istituto nel corso degli anni, di fatto un museo di arti varie aperto al pubblico per l’occasione.

La piacevole passeggiata si svolge attraverso le vie e le piazze del centro storico di Cagli per finire, volendo, con un assaggio dei prodotti tipici nei locali e ristoranti della città.

(Nella foto la Natività in un affresco di epoca medievale presente nella Chiesa di San Francesco)

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: