Medaglia d’oro all’International Wine Challenge per il Verdicchio delle Tenute Pieralisi

Medaglia d’oro all’International Wine Challenge per il Verdicchio delle Tenute Pieralisi

Un nuovo importante riconoscimento per l’azienda agricola di Moie

MOIE – Il Villaia delle Tenute Pieralisi ha ottenuto la medaglia d’oro alll’International Wine Challenge, concorso londinese più influente al mondo. Tra le tredici medaglie d’oro conquistate a Londra da vini italiani svetta infatti il Verdicchio dei Castelli di Jesi DOC Classico superiore 2020 dell’azienda agricola moiarola. Il Verdicchio ha conquistato la giuria londinese che ha definito il vino “elegante, sublime e di classe”.

Nato dalla fermentazione spontanea delle uve Verdicchio raccolte rigorosamente a mano, il Villaia è il frutto della nuova filosofia produttiva dell’azienda di Moie orientata al biologico, al massimo rispetto dell’ambiente, alla tutela della ricchissima biodiversità del territorio e alla difesa della tipicità dei prodotti, per soddisfare le esigenze di un mercato sempre più consapevole, attento alla qualità e sensibile alla sostenibilità. Il Villaia ha ricevuto importanti riconoscimenti fin dal suo primo anno di produzione, come la medaglia d’oro al Decanter World Wine Award 2018.

I vigneti delle Tenute Pieralisi sono certificati biologici e anche in cantina vengono impiegate tecniche di vinificazione sempre più naturali, come appunto la fermentazione spontanea grazie ai lieviti indigeni naturalmente presenti nella buccia delle uve che conferiscono al prodotto finale un impronta aromatica unica. Al livello organolettico colpisce l’intensità, le spiccate note minerali e agrumate, la grande struttura e persistenza, che rendono davvero il Villaia un grande vino.

Non solo il Classico superiore 2020: le Tenute Pieralisi tornano dall’International Wine Challenge anche con la medaglia di bronzo per il Verdicchio Ruviano e una gran menzione per il Nativo.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: