CORONAVIRUS / Paolo Battisti: “Il Pd sempre peggio, ora chiede lo scudo penale per salvare gli amministratori della Sanità”

CORONAVIRUS / Paolo Battisti: “Il Pd sempre peggio, ora chiede lo scudo penale per salvare gli amministratori della Sanità”

di PAOLO BATTISTI*
SENIGALLIA – I morti per Covid-19 continuano, a Senigallia come a Falconara. Ed è il primo cittadino di Falconara a chiedere a gran voce di attrezzarsi per fare più tamponi possibili, come avevamo chiesto noi 3 giorni fa: “Credo fermamente che sia necessario porre la massima attenzione anche al controllo degli asintomatici – sostiene il sindaco Signorini – e che vada garantito uno screening a tutti i cittadini attualmente in quarantena per precedenti contatti con positivi o per convivenza con familiari positivi. Non basta verificare la guarigione di quanti erano malati, ma vanno fatti tamponi ad ampio raggio. Occorre cambiare strategia per bloccare i contagi. Solo così riusciremo ad alleggerire la pressione sulle strutture sanitarie e a intervenire tempestivamente sulla propagazione del contagio”.
Ma ieri abbiamo assistito anche ad un altro scandalo che si starebbe perpetuando a Roma. Nella capitale si sta discutendo lo Scudo penale per i medici e infermieri in prima linea per combattere il coronavirus. E su questo non possiamo che essere tutti d’accordo.
Ma quello che crea polemiche è l’emendamento del Pd al “Cura Italia”, a prima firma Andrea Marcucci, che vorrebbe una tutela anche per le figure amministrative.
Nell’emendamento si allarga la platea di chi potrebbe usufruire  dello scudo, si parla di professioni sanitarie-professionali-tecniche amministrative. È chiaro quindi che si va oltre la prima linea e si prevede di poter coprire anche figure apicali come i direttori generali, messi li dai loro amici politici.
Medici ed Infermieri sono stati costretti…. Per carenza di mezzi e di informazioni… A non poter proteggere gli assistiti dall’infezione perché dovevano curarli ma senza protezioni adeguate, e non per colpa loro…
Ma i direttori generali, gli amministratori regionali, gli assessorati alla Sanità… I direttori di aziende ospedaliere, i direttori di strutture private, i direttori di ASL…. La responsabilità sulla sicurezza cade in capo a loro…. Ai sensi della Legge 81 del 2008.
Se ci sono dei colpevoli, vanno individuati tra queste altissime figure. E chi ha sbagliato paga stavolta, perché non si gioca con le vite umane.
Vergogna al PD se non prende le distanze da questo emendamento di un proprio Deputato. E vergogna anche a Mangialardi, Volpini e Campanile se non fanno lo stesso.
*Portavoce dell’Altra Senigallia con la Sinistra

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: