E’ un quarantottenne di Arcevia la vittima del tragico incidente di sabato a Senigallia

E’ un quarantottenne di Arcevia la vittima del tragico incidente di sabato a Senigallia

Claudio Brocanelli stava percorrendo la complanare, alla guida della sua Opel Corsa, quando l’auto è stata travolta da una Porsche

SENIGALLIA – La vittima della spaventosa carambola di sabato pomeriggio è Claudio Brocanelli (nella foto), quarantottenne di Arcevia. L’uomo, deceduto all’interno della sua Opel Corsa, completamente divorata dalle fiamme dopo l’impatto con la Porsche 997 condotta da un senigalliese di 56 anni (S.A.), abitava nella frazione di Montale. Una persona molta attiva e stimata, soprattutto per il suo impegno contro l’uso dei pesticidi in agricoltura.

Questa la ricostruzione del tragico incidente, fatta dagli agenti della polizia stradale: “Alle ore 18.40, sulla nuova complanare nord – strada extraurbana in comune di Senigallia – è intervenuta la polizia stradale su richiesta arrivata al 113 da parte di un automobilista non coinvolto, il quale avvisava che si era appena verificato un incidente stradale e c’erano delle vetture avvolte dalle fiamme.
“Le prime pattuglie intervenute sul posto, del distaccamento Polizia Stradale di Senigallia, constatavano che erano coinvolte quattro autovetture ed effettivamente una Opel Corsa e una Porsche stavano bruciando; all’interno dell’Opel Corsa vi era rimasto intrappolato il corpo, ormai carbonizzato, del conducente Claudio Brocanelli, 48enne originario di Jesi ma residente ad Arcevia, solo a bordo.
“Successivamente sopraggiungevano altre due pattuglie della Polizia Stradale, nonché personale sanitario del 118, l’eliambulanza, squadre dei Vigili del Fuoco e la Polizia Locale di Senigallia che bloccava la circolazione stradale per svolgere i dovuti rilievi.
“Dalle tracce lasciate sull’asfalto, dai danni riportati dai veicoli e dalle testimonianze delle persone coinvolte nell’incidente, raccolte dagli operanti della Polizia Stradale, si è potuta ricostruire la verosimile dinamica dell’evento.

“Una Fiat Punto, con a bordo una famiglia, si immetteva da via Berardinelli sulla complanare nord quando, da retro, giungeva un’autovettura Porsche 997 turbo il cui conducente, solo a bordo, la tamponava ed a seguito della collisione invadeva la corsia di marcia opposta, andando a strisciare contro una Fiat Panda, con a bordo il solo conducente.

“La Panda ruotava su sé stessa mentre la Porsche, alzandosi da terra, si schiantava contro l’Opel Corsa di Claudio Brocanelli che procedeva regolarmente sulla sua corsia di marcia. A seguito del violento impatto la Porsche e l’Opel si incendiavano, senza dare scampo al conducente di quest’ultima autovettura.
“Il conducente della Porsche, un senigalliese di 56 anni – conclude la nota della polizia stradale -, veniva trasportato in eliambulanza all’Ospedale regionale di Torrette in prognosi riservata”.

Si tratta del primo incidente mortale avvenuto lungo la complanare. Un incidente che, inevitabilmente, innesca tante polemiche, soprattutto per la velocità di alcune vetture che la percorrono, anche in considerazione dei numerosi ingressi – ed uscite – che si trovano lungo il percorso.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it