Doppio appuntamento a Senigallia con la “Pizza democratica” e l’Aperitivo culturale sulla storia delle donne

Doppio appuntamento a Senigallia con la “Pizza democratica” e l’Aperitivo culturale sulla storia delle donne

SENIGALLIA – Ci sono due importanti appuntamenti promossi dall’Associazione di Storia Contemporanea durante il mese di luglio appena iniziato. Il primo è ormai una cadenza fissa, visto che siamo giunti al quinto appuntamento. Si tratta della “Pizza democratica” che si tiene ogni 4 luglio – crocevia di storiche commemorazioni – presso il Ristorante “Pomodoro” di Senigallia (Lungomare Leonardo da Vinci, 69/A, tel. 071-60934), un evento che rappresenta un momento di saluto e di confronto prima della pausa estiva. Quest’anno tutti i soci che vi prenderanno parte riceveranno gratuitamente il nuovo numero (4, 2019) di “Itineris. Rivista di storia dei viaggi in età contemporanea” che presenta interessanti ricostruzioni di viaggi, viaggiatori e viaggiatrici. L’appuntamento, rivolto a soci e simpatizzanti, è per le 20.30 di giovedì 4 luglio presso il locale senigalliese che si trova nei pressi dell’Hotel Diana. Bisogna però prenotarsi presso il Ristorante oppure scrivendo alla mail associativa (ascontemporanea@gmail.com) entro la sera di mercoledì 3.

A concludere gli eventi sociali prima della pausa estiva sarà, però, quest’anno un’altra iniziativa, interamente dedicata alle donne. Mercoledì 17 luglio, infatti, cade il primo centenario della legge che ha riconosciuto la capacità giuridica alla donna (legge n. 1176, 17 luglio 1919). Una ricorrenza di grande rilievo poiché ha aperto alle italiane le porte del mondo del lavoro tanto che pochi mesi dopo si registrò la prima avvocata nazionale, Elisa Comani (nella foto), lombarda di nascita ma marchigiana d’adozione, designata presso il Foro di Ancona e subito impegnata in un rimarchevole processo penale.

Così ebbe a ricordare lo storico ingresso il «Corriere della Sera» del 28 agosto 1919: «Questa mattina, dinanzi alla Corte d’Appello, la dottoressa in legge Elisa Comani Orsi, moglie dell’avvocato Orsi di Milano, ha prestato giuramento per l’iscrizione all’Albo dei Procuratori. La gentile e colta signora è la prima laureata in giurisprudenza ammessa in Italia all’esercizio della professione».

Proprio nell’anno del suo esordio giuridico (1920) Elisa disse: «La conquista completa della pubblica opinione non sarà né lieve né facile e potrà essere solo abbreviata se entreranno coraggiosamente in lizza colleghe, e non ne mancano di grande valore e intelletto». Innamoratasi dell’avvocato dorico Enrico Malintoppi, militante repubblicano e futuro senatore della Repubblica, Elisa lasciò il primo marito e andò a Fiume per divorziare, venendo temporaneamente cancellata dall’albo degli avvocati (per poi successivamente rientrarvi). La sua fu una vita intensa, dedicata al lavoro, alla famiglia e al miglioramento della condizione femminile. Sulla Comani esistevano da troppo tempo dati biografici errati e confusi e solo grazie al “Dizionario biografico delle donne marchigiane”, pubblicato l’anno scorso su iniziativa dell’Associazione di Storia Contemporanea, si è finalmente potuto disporre di dati certi e corretti, frutto di lunghe e complesse ricerche archivistiche.

Per ricordare al meglio questo significativo centenario, che segnala una pietra miliare del processo di emancipazione femminile, l’Associazione diretta dalla prof.ssa Lidia Pupilli ha organizzato, per le 19.30 di mercoledì 17 luglio, un Aperitivo culturale presso il Ristorante “Alter Ego” (Via Chiostergi, 16, sul retro delle Scuole Pascoli) cui sono invitati socie e soci nonché cittadine e cittadini (anche in questo caso si deve prenotare scrivendo una mail all’Associazione oppure telefonando direttamente al Ristorante al numero 071-65716). A tutte le donne verranno regalati dei libri.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it