Aveva in casa una borsa rubata in discoteca, trentaseienne denunciato dai carabinieri di Trecastelli

Aveva in casa una borsa rubata in discoteca, trentaseienne denunciato dai carabinieri di Trecastelli

TRECASTELLI – I carabinieri della Stazione di Trecastelli hanno denunciato un operaio 36enne del luogo, per il reato di ricettazione. L’uomo è stato trovato in possesso, nella sua abitazione, di una borsa contenente un telefono cellulare, due carte bancomat ed alcuni effetti personali, rubati domenica 6 gennaio all’interno di una discoteca a Rimini.

L’indagine è partita dalla denuncia presentata ai carabinieri da una 27enne residente a Morciano di Romagna, che aveva trascorso la notte dell’Epifania con gli amici in una discoteca a Rimini. Uscendo dal locale non aveva più ritrovato la sua borsa che poco prima aveva poggiato su un divanetto nella sala da ballo.

All’interno della borsa oltre a due carte bancomat a lei intestate e ad alcuni oggetti personali, vi era anche uno smartphone sul quale era installato un programma per la localizzazione. Grazie al dispositivo il telefonino è stato localizzato all’interno di un appartamento a Ponte Rio. I carabinieri si sono posizionato nelle scale condominiali ed hanno composto il numero di telefono della giovane facendo squillare il cellulare. In questo modo hanno individuato con precisione l’abitazione.

Al termine della perquisizione in casa è stata restituita alla denunciate la borsa con lo smartphone e quasi tutta la refurtiva rinvenuta, infatti è risultata mancante solo la somma di 200 euro che la ragazza aveva denunciato di detenere nella borsa insieme alle altre cose.

Il 36enne si è giustificato dicendo di aver rinvenuto per caso la borsa abbandonata per terra. Dovrà rispondere all’autorità giudiziaria del reato di ricettazione.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it