SENIGALLIA / In un libro Natale Patrizi racconta le Marche

SENIGALLIA / In un libro Natale Patrizi racconta le MarcheSENIGALLIA / In un libro Natale Patrizi racconta le Marche

SENIGALLIA / In un libro Natale Patrizi racconta le Marche SENIGALLIA / In un libro Natale Patrizi racconta le Marche

SENIGALLIA – Venerdì 16 dicembre alle ore 21 al Musinf, per iniziativa del Corso di fotogiornalismo, coordinato da Giorgio Pegoli e della Biblioteca Arti Visive del Musinf, coordinata da Stefano Schiavoni, con il sostegno programmatico della Fondazione Senigallia, presieduta dal dr. Michelangelo Guzzonato, verrà presentato il libro “NATALE  PATRIZI  RACCONTA LE MARCHE”. La pubblicazione è stata curata da Paolo Alfieri e utilizza uno scritto introduttivo del prof. Carlo Emanuele Bugatti, direttore del Musinf. Natale Patrizi, in arte Agrà, è nato a Mondolfo nel 1941, da molti anni vive a Marotta. Si è specializzato nell’arte dell’affresco agli inizi degli anni Sessanta a Firenze, frequentando il Magistero del capoluogo toscano.

All’esercizio dell’affresco ha affiancato la pratica delle tecniche dell’acquaforte, delle vetrate, della ceramica, della xilografia. Tra il 1981 e il 1983 ha realizzato le caratteristiche “Finestre”, con l’assemblaggio di suoi dipinti in infissi recuperati da vecchie case coloniche. Insieme a Mario Giacomelli e Fide, ha compiuto dal 1986 al 1990 una serie di interventi artistici in luoghi dell’entroterra marchigiano.
Le opere dell’artista figurano in numerose collezioni pubbliche e private, in musei e gallerie, in Italia e all’estero.

Noti fotografi gli hanno dedicato reportage. La natura e la campagna costituiscono temi caratterizzanti della poetica dell’artista. La sua sensibilità, maturatasi in modo personale a contatto con la spiritualità francescana, gli ha consentito di raggiungere un rapporto con la natura, costruito sulla convinzione che ogni forma di esistenza sia calata dentro un progetto di salvezza. E’ stato presente in mostre in Italia e all’estero, con circa mille presenze. Le sue opere figurano in collezioni pubbliche e private, e in prestigiosi Musei. Per la Chiesa di S. Giuseppe di Marotta, città dove vive, ha realizzato 3 vetrate, 6 grandi libri di legno a tempera, un grande pannello su legno in graffito (m. 4×5) raffigurante “La Pentecoste”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it