MONTEMARCIANO / Quattro titoli per la prosa al Teatro Alfieri

MONTEMARCIANO / Quattro titoli per la prosa al Teatro Alfieri

MONTEMARCIANO / Quattro titoli per la prosa al Teatro Alfieri

MONTEMARCIANO – Mauri e Sturno, La Compagnia della Marca, Paiella, Nicoletta Braschi e Andrea Renzi: questi i nomi del cartellone 2016/2017, prossimo al via, proposto al Teatro Alfieri realizzato da Comune e AMAT con il sostegno di Regione Marche e MiBACT.

Si comincia venerdì 9 dicembre con “Il canto dell’usignolo” un omaggio a Shakespeare nel quattrocentesimo anniversario della morte, tributato da Glauco Mauri con Roberto Sturno e le musiche di Giovanni Zappalorto. Lo spettacolo, di cui Mauri è anche regista, attraversa la poesia che percorre le opere dell’immenso drammaturgo, dall’“Enrico V” a “Come vi piace” alla “Tempesta”, oltre naturalmente a quella dei “Sonetti”. Il titolo si ispira ad un apologo del filosofo illuminista Gotthold Lessing, un dialogo fra un pastore e un usignolo la cui morale è che oggi più che mai c’è bisogno che si alzi un canto di poesia e di umanità per contrastare il chiasso intorno a noi.

Venerdì 13 gennaio l’appuntamento è con La Compagnia della Marca in “Salvatore Giuliano”, musical di Dino Scuderi messo in scena per la regia di Roberto Rossetti che, come attore, aveva fatto parte del cast della prima edizione. Storia vera e storia italiana, la vicenda personale del celebre bandito siciliano si intreccia con eventi di primo piano della storia e della politica nazionale del dopoguerra – la nascita di nuove alleanze sociali e di nuovi equilibri politici – che caratterizzarono la storia più recente del nostro Paese.

Max Paiella, cantante e musicista, ospite e autore di moltissime apprezzate trasmissioni radiofoniche (una fra trutte “Il ruggito del coniglio” su Rai Radio Due)  è protagonista  della serata di giovedì 16 febbraio. Lo spettacolo di intitola “Solo per voi” «manuale di sopravvivenza emozionale – dice – più divertente che possiate immaginare». Fantasista e cantastorie, Paiella si muove tra il serio e il faceto e, imbracciando la chitarra, ci guida attraverso le nostre zone più oscure e più radiose, segnando un percorso spensierato in compagnia dei suoi personaggi, delle sue imitazioni e delle sue canzoni.

Per chiudere la stagione, venerdì 3 marzo, c’è un classico del teatro moderno: “Giorni felici” di Samuel Beckett interpretato da Nicoletta Braschi e Andrea Renzi – anche, e soprattutto, in ruolo di regista – per una produzione dello Stabile di Torino. In scena il tenace corpo a corpo tra la Braschi e il suo personaggio Winnie che, immersa in un cumulo di sabbia, chiacchiera senza sosta in un’alternanza insensata di momenti che sono il cuore della straordinaria esplorazione beckettiana della vita. La sua è, scrive il regista «una sfida sull’asse della fragilità e della resistenza, della dipendenza e della solitudine, del riso e del pianto».

Gli abbonati della scorsa stagione possono rinnovare dal 28 al 30 novembre, mentre i nuovi abbonamenti saranno in vendita da giovedì 1 a sabato 3 dicembre alla Biblioteca Comunale (tel. 071/9163384, aperta dalle 18 alle 20). Gli abbonamenti sono in vendita a 70 euro (primo settore), 60 euro (secondo settore) e 46 euro (terzo settore), con riduzioni per i primi due settori rispettivamente a 65 e 55 euro riservate a giovani fino a 29 anni, oltre 65 anni, soci Touring Club, convenzionati vari.

Da venerdì 9 dicembre sono in vendita biglietti per tutti gli spettacoli (20 euro per il primo settore, 17 euro per il secondo e 13  euro per il terzo, con riduzioni a 18 e 15 per i due primi settori) alla Biglietteria Teatro Alfieri (aperta il giorno di spettacolo dalle 20) e, ad Ancona, al punto AMAT/VivaTicket presso Casa Musicale Ancona (ex Bucchi, corso Stamira 68 tel. 071/202588), sul sito internet vivaticket.it. I biglietti si possono prenotare al Comune di Montemarciano (tel. 071/9163327, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12) o al Call center dello spettacolo delle Marche 071 21 33 600, su internet vivaticket.it. Inizio spettacoli ore 21.15.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it