Tenta un furto in una tabaccheria, arrestato

Tenta un furto in una tabaccheria, arrestato

Tenta un furto in una tabaccheria, arrestato

Trentenne anconetano bloccato dai carabinieri a Ostra. Un pakistano denunciato a Senigallia

Tenta un furto in una tabaccheria, arrestato

SENIGALLIA – Alle 7:30 di domenica mattina, i Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato un 30enne di Ancona, per tentato furto aggravato.

L’arresto è stato eseguito dai militari del Nucleo Radiomobile che sono intervenuti a Ostra in Via Vaccarilese, dove il titolare del noto Ristorante “da Galià”, con annesso bar-tabacchi, aveva segnalato sull’utenza “112”, che andando ad aprire il ristorante, aveva sorpreso un individuo che si era introdotto nel locale impossessandosi di numerosi pacchetti di sigarette. Il ladro, vistosi scoperto, si era dato alla fuga fuggendo verso la campagna. I Carabinieri, giunti nella zona, hanno intercettato il trentenne, noto alle forze dell’ordine, sulla S.P. “Arceviese” mentre era intento a mettersi alla guida della propria autovettura Citroen C3, nascosta in modo da non essere visibile tra la vegetazione in prossimità di una scarpata. Il giovane ha tentato ulteriormente di fuggire attraverso il Misa ma è stato raggiunto e bloccato dai militari dopo un rocambolesco inseguimento a piedi.

Il sopralluogo ha consentito di accertare che il giovane si era introdotto nel bar tabacchi forzando la porta finestra di ingresso. Lo stesso è stato riconosciuto dalla parte offesa come l’autore del furto.

La refurtiva recuperata all’interno di due buste di plastica in parte nella C3 ed in parte abbandonata sul pavimento del ristorante durante la fuga, del valore complessivo di circa 1.500 euro, è stata interamente recuperata e restituita al proprietario del locale.

Inoltre all’interno dell’auto sono stati recuperati alcuni indumenti che erano stati rubati nella notte all’interno di un’auto in sosta sempre sulla SP Arceviese di proprietà di una donna del luogo. L’uomo è stato pertanto anche denunciato per il furto sull’auto.

Dopo le formalità di rito il trentenne è stato sottoposto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione in Ancona.

Questa mattina il Tribunale ha convalidato l’arresto rinviando la discussione all’udienza al 28 giugno p.v.

Nella notte, inoltre, un’altra pattuglia del Nucleo Radiomobile ha denunciato in stato di libertà per il reato di uso di atto falso e guida senza patente perché mai conseguita, un pakistano di 48 anni residente a Porto Recanati.

Il predetto, controllato dalla pattuglia a Senigallia in via Leopardi alla guida di una BMW 316, ha esibito una patente di guida rilasciata nel Regno Unito. Le immediate indagini hanno però consentito di accertare che lo straniero era sprovvisto di patente di guida perché mai conseguita e il documento mostrato era stato contraffatto.

Il documento falso è stato ritirato e sottoposto a sequestro. L’autovettura invece è stata sottoposta a fermo amministrativo.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it