Intensificata la collaborazione tra Senigallia e Corinaldo per la promozione del turismo religioso e del patrimonio liturgico, storico, artistico, architettonico, museale e recettivo del territorio

Intensificata la collaborazione tra Senigallia e Corinaldo per la promozione del turismo religioso e del patrimonio liturgico, storico, artistico, architettonico, museale e recettivo del territorio

Firmata l’intesa tra i Comuni per la sperimentazione di forme di valorizzazione integrata negli ambiti della cultura e del turismo

SENIGALLIA – Firmato il protocollo d’intesa tra i Comuni di Senigallia e Corinaldo per la sperimentazione di forme di valorizzazione integrata negli ambiti della cultura e del turismo. L’accordo nasce nell’ambito della già collaudata collaborazione tra le due amministrazioni, volta alla promozione del turismo religioso e del patrimonio liturgico, storico, artistico, architettonico, museale e recettivo del territorio.

“Le nostre amministrazioni – spiega il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi – condividono obiettivi strategici e intendono consolidare, attraverso la loro formalizzazione, forme di cooperazione interistituzionale per l’attuazione di processi di valorizzazione della cultura, del turismo e quindi delle rispettive identità locali. Il protocollo d’intesa, che può rappresentare anche un primo passo verso una futura e unica unione comunale, ci permetterà di realizzare una governance efficiente e partecipata nel processo di elaborazione e definizione di politiche in ambito culturale e turistico”.

“È un’intesa – aggiunge il sindaco di Corinaldo Matteo Principi – che ci consente l’ideazione e la definizione di progetti e iniziative culturali e turistiche comuni, nonché l’integrazione delle attività di promozione culturale e turistica”.

Tra le prime iniziative in campo c’è la valorizzare del Centro Studi internazionale sulla donna dedicato a “Santa Maria Goretti”, che sarà realizzato dal Comune di Corinaldo in collaborazione con  la Conferenza Episcopale Italiana, la Regione Marche e la Diocesi di Senigallia, a seguito del restauro e della riqualificazione del ex Convento dei padri Agostiniani.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it