Al via il nuovo anno scolastico: a Senigallia la popolazione scolastica continua a subire una leggera flessione

Al via il nuovo anno scolastico: a Senigallia la popolazione scolastica continua a subire una leggera flessione

SENIGALLIA – Il nuovo anno scolastico inizierà lunedì 17 settembre per terminare l’ 8 giugno 2019 (per la scuola dell’infanzia il 28 giugno). E questa mattina, in Comune, c’è stato l’incontro con i dirigenti scolastici della città. Presenti il vice sindaco Maurizio Memè, l’assessore Simonetta Bucari ed il portavoce del sindaco Mario Cavallari.

La popolazione scolastica complessiva continua a subire una leggera flessione, confermando la tendenza registrata negli scorsi anni: 4.200 iscritti rispetto ai 4.267 del 2017/2018. La diminuzione di iscritti si riscontra quasi interamente nel segmento della scuola dell’infanzia statale (922 contro i 976 dello scorso anno scolastico con un saldo negativo di 54 alunni), mentre il numero rimane sostanzialmente invariato, seppur con qualche unità in meno, nella scuola primaria (- 11) e nella scuola secondaria di 1° grado (-2).

La presenza di alunni stranieri nelle scuole rimane sostanzialmente invariata, con un aumento di soli 7 alunni in più rispetto al totale dello scorso anno scolastico: 366 contro i 359 dell’anno passato. Cambia invece la loro distribuzione rispetto ai diversi cicli di istruzione: per una sostanziale corrispondenza del numero nella scuola dell’infanzia (88 contro 84) si registra invece una diminuzione di 14 alunni stranieri nella scuola primaria e un corrispondente aumento di 17 alunni stranieri nella secondaria di primo grado. Attualmente gli alunni stranieri rappresentano l’8,88% della popolazione scolastica.

Si segnala una maggiore presenza di alunni stranieri sia in termini assoluti che percentuali nei due istituti comprensivi “Senigallia CentroFagnani” e “Mario Giacomelli”. La diminuzione di iscritti, particolarmente evidente nel segmento della scuola dell’infanzia statale, incide nel numero complessivo delle sezioni attivate. Nella scuola dell’infanzia ciascun Istituto Comprensivo perde infatti una sezione, ad orario completo o antimeridiano: una sezione in meno si registra infatti nella scuola dell’infanzia Sant’Angelo, nella scuola dell’infanzia Collodi, nella scuola dell’infanzia Giardino del Sole e nella scuola dell’infanzia Aquilone.

Nella scuola primaria il numero complessivo di classi scende di una unità, da 111 a 110, in virtù del calo di una sezione alla scuola primaria di Cesanella e a quella di Aldo Moro e dell’aumento di una sezione alla scuola primaria Leopardi. Da segnalare la mancata formazione della prima classe primaria a Sant’Angelo, dove comunque il numero totale degli alunni iscritti è costante. Nella scuola secondaria di 1° grado si registra l’aumento di una classe presso l’Istituto Mercantini, dove si riscontra infatti un aumento considerevole (+20) di iscrizioni totali rispetto a quelle dell’anno scolastico precedente.

La collaborazione tra Istituzioni scolastiche e Comune, la concertazione con le famiglie interessate, la costante sollecitazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale hanno permesso di garantire anche per il 2018/2019 una soddisfacente organizzazione scolastica complessiva che potenzia la già qualificata offerta formativa cittadina. Più precisamente: Ø il tempo pieno è confermato in tutti i quattro istituti comprensivi; Ø l’esperienza del tempo prolungato, sostituito dal tempo pieno formalmente riconosciuto, rimane solamente nel plesso di S. Angelo. In questi casi il sostegno del Comune si concretizza nell’erogazione del servizio di refezione scolastica, non dovuto perché non ci sono classi a tempo pieno.

Va ricordato che le Istituzioni scolastiche e il Comune da tempo perseguono l’obiettivo di un’offerta formativa stabile e ufficialmente riconosciuta per garantire continuità educativa e certezza agli alunni e alle loro famiglie; Ø il plesso di Scapezzano si caratterizza per essere sede esclusivamente dell’offerta formativa specializzata del metodo Montessori; Ø non vi sono situazioni di sovraffollamento delle classi che risultano prevalentemente composte, anche nel segmento critico della scuola secondaria di 1° grado, da un numero adeguato di alunni. Per completare il quadro sulla scuola di base del Comune di Senigallia illustriamo sinteticamente conferme e novità dell’anno scolastico 2018/2019.

Edifici scolastici – Nonostante l’esiguità delle risorse finanziarie a disposizione, oltre agli interventi di manutenzione ordinaria, si sono eseguiti lavori in grado di far fronte alle esigenze urgenti che si sono presentate in alcune strutture scolastiche: tutte le scuole d’infanzia sono state dotate di nuovi giochi per il giardino, mentre nella scuola d’infanzia Giardino del Sole è stata realizzata una nuova pavimentazione. Sono state eseguite delle modifiche per l’accesso alla palestra nell’edificio ristrutturato della scuola Puccini, è stata realizzata una parete per una migliore distribuzione degli spazi presso la scuola Rodari e sono state fatte delle modifiche alla distribuzione interna delle aule presso la scuola dell’infanzia Aquilone. Sono in corso lavori di tinteggiatura in tutte le scuole per le esigenze di maggior evidenza e sono terminati i lavori di risanamento conservativo delle facciate della scuola Pascoli dopo gli interventi di risanamento dei solai e il rifacimento dell’impianto di rilevazione incendi della stessa scuola. Sono attualmente in corso da parte dell’ufficio gestione edifici e impianti gli interventi prioritari per la prevenzione antincendio di cui al D.M. 21/03/2018, oltre alle verifiche di vulnerabilità sismica sulle strutture scolastiche.

Servizi scolastici – Trasporto Il servizio di trasporto scolastico è, come ogni anno, capillare nella raccolta degli alunni delle frazioni; vengono inoltre intensificate le corse delle linee urbane in coincidenza degli orari di ingresso e di uscita dagli istituti. Corse e orari vengono verificati ed eventualmente adattati alle esigenze scolastiche. I prezzi degli abbonamenti per il servizio di trasporto scolastico rimangono sostanzialmente immutati rispetto allo scorso anno e il Comune di Senigallia continua a calmierare con propri fondi le tariffe previste dalla Regione Marche.

PER SAPERNE DI PIU’

Report_2018_2019

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it