Cani in aumento lungo le strade di Senigallia ma i cestini per la raccolta delle feci sono pochi

Cani in aumento lungo le strade di Senigallia ma i cestini per la raccolta delle feci sono pochi

Tanti cani lungo le strade di Senigallia ma i cestini per la raccolta delle feci sono pochi SENIGALLIA – Con l’arrivo delle belle giornate sono sempre di più i cani in circolazione lungo le strade della città. Ed ultimamente sono stati anche intensificati, dagli agenti della Polizia locale, i controlli nei confronti dei proprietari che lasciano gli escrementi lungo le strade, sui marciapiedi, nelle aiuole e nei giardini pubblici. Numerose sono infatti le segnalazioni dei cittadini che arrivano alla centrale operativa della Polizia Locale sulla cattiva conduzione dei cani, “che riguarda – come ribadito anche di recente dal comando – non solo la pessima abitudine di alcuni detentori di non raccogliere le deiezioni, ma anche quella di lasciarli liberi di scorrazzare senza guinzaglio”.

“Raccogliere gli escrementi, come fanno molti cittadini, è segno di civiltà e di rispetto della cosa pubblica e degli altri. Oltretutto – si legge in una nota diffusa un mese fa dalla Polizia locale – è stato emanato un regolamento comunale sulla tutela degli animali, che richiama esplicitamente, all’art. 26, i proprietari o i detentori alla raccolta degli escrementi prodotti dai loro cani sul suolo pubblico, in modo da mantenere e preservare lo stato di igiene e decoro di qualsiasi area pubblica o di uso pubblico dell’intero territorio comunale. I proprietari e i detentori sono, inoltre, obbligati a portare al seguito la paletta e il sacchetto o ogni altro strumento raccoglitore, specificatamente destinato a quell’uso, per una igienica raccolta e rimozione degli escrementi”.

Tanti cani lungo le strade di Senigallia ma i cestini per la raccolta delle feci sono pochiE’ vero, non sempre, purtroppo, i proprietari dei cani si attengono alle regole. Ma c’è anche da dire che, lungo le vie della città, i cestini per la raccolta delle feci, sono pochissimi. Sarebbe quindi opportuno installarne di più per facilitare il compito dei proprietari dei cani (che non possono certo mettere la bustina con gli escrementi in tasca…) e contribuire così, tutti insieme, a rendere Senigallia sempre più pulita.

Ricordiamo che fino al 30 settembre i cani potranno accedere alla spiaggia solo negli stabilimenti balneari appositamente autorizzati e attrezzati, davanti ai quali possono anche fare il bagno.

Non raccogliere gli escrementi del proprio cane, non avere con sé la paletta o il sacchetto, non detenere il cane al guinzaglio su suolo pubblico e  far entrare i cani nei giardini pubblici comporta una sanzione di 50 euro, mentre per chi conduce i cani in spiaggia, nel periodo vietato, è prevista una sanzione di 200 euro.

Tutto giusto. Ma, è opportuno ribadirlo, servono più cestini lungo le strade della città.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it