Categorie
AREA ESINO SPETTACOLI

Umberto Orsini in scena a Jesi con Il prezzo di Arthur Miller

Umberto Orsini in scena a Jesi con Il prezzo di Arthur Miller

Lo spettacolo, per la regia di Massimo Popolizio, sarà proposto domenica al Teatro Pergolesi

Umberto Orsini in scena a Jesi con Il prezzo di Arthur Miller

JESI – Prosegue la Stagione Teatrale 2015-16 del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi, domenica 6 marzo, con la Compagnia Umberto Orsini e lo spettacolo IL PREZZO di Arthur Miller, con un cast importante che vede in scena: Umberto Orsini, Massimo Popolizio, Alvia Reale, Elia Schilton, la regia è di Massimo Popolizio.

Personaggi tondi, vivi, vulnerabili che, grazie alla sublime scrittura di Miller, ci trascinano in un mondo dove l’ironia livida, i dubbi, la cattiveria e l’incertezza riempiono lo spazio scenico che, nella sua immobilità, si presenta come un ring dove lo scontro avviene attraverso un intreccio di parole che rimbalzando da un lato all’altro e ti tolgono il respiro.

Ma col passare del tempo ciò che sembrava importante cambia, diventa a volte grottesco, a volte ridicolo, a volte tragico. È impossibile quindi per l’uomo distinguere in modo definitivo il bene dal male, perché tutto muta e, in questa fluidità dell’esistere, è illusorio porre le basi di un edificio morale che resista all’erosione del tempo.

Miller affronta ne “Il Prezzo” il tema della conoscenza, una conoscenza non metafisica ma tutta terrena e umana. Come se la nostra vita, il nostro passato, analizzati nel presente, ci appaiono talvolta come un sogno o una storia che qualcuno ci abbia raccontato e dove la distinzione fra realtà e irrealtà è quasi impossibile. Commedia costruita per quattro caratteri che rappresentano uno spaccato di una società che non è solo americana ma nella quale ognuno di noi, oggi più che mai, può riconoscersi e perciò interrogarsi.

Dalle note di regia di Massimo Popolizio – Ho accolto con grande entusiasmo la responsabilità di dirigere questa commedia di Arthur Miller che è stata scritta nel 1968 e che in Italia è praticamente inedita. È un’opera a mio avviso molto importante e che proprio in questi giorni viene riproposta negli Stati Uniti e in Inghilterra in occasione del decimo anniversario della morte dell’autore. Ma è importante perché riprende argomenti cari a Miller ed ad altri autori americani della seconda metà del novecento che hanno focalizzato sul tema della famiglia e del disagio legato a mutamenti storico-economici il loro interesse più appassionato. In questa commedia tutto ha un prezzo: le scelte, i ricordi, gli errori, le vittorie e le sconfitte.

Ma quello che mi ha colpito di più in questo lavoro così ben strutturato nella sua alternanza di momenti divertenti e di momenti drammatici è stata la consistenza e lo spessore dei quattro personaggi che animano la storia. Un poliziotto di New York che deve vendere tutti i mobili accumulati da un padre che per anni si era isolato in un appartamento in cui questi oggetti erano accatastati e che a sedici anni dalla sua morte devono essere venduti perché l’edificio sta per essere abbattuto, una moglie con dei problemi di alcol e di depressione, un fratello che da anni ha fatto un suo percorso di successo perché ha saputo allontanarsi dalle conseguenze della crisi e col quale il poliziotto non ha contatti da più di dieci anni e che ricompare sulla scena proprio in occasione di questa vendita. E un quarto personaggio, un venditore di mobili usati, che dovrà stabilirne il prezzo –.

La Stagione del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi è promossa insieme alla Stagione 2015-16 del Teatro Gaspare Spontini di Maiolati dalla Fondazione Pergolesi Spontini con gli Assessorati alla Cultura dei Comuni di Jesi e di Maiolati Spontini, in collaborazione con MARCHE TEATRO Teatro di Rilevante Interesse Culturale e AMAT, con il contributo di UBI Banca Popolare di Ancona e di Sogenus.

Martedì 15 marzo, Maria Amelia Monti e Paolo Calabrese sono i protagonisti di NUDI E CRUDI di Alan Bennett, in palco con loro anche Nicola Sorrenti; la pièce è diretta da Serena Sinigaglia. Lo spettacolo è prodotto da a.ArtistiAssociati. Sul filo di un’ironia mai scontata o volgare, Bennett affronta il tema della relazione uomo-donna e suggerisce con struggente e profonda delicatezza quanto sia difficile amare.

Martedì 29 marzo, la Star Dust Show Productions presenta QUEI DUE di Charles Dyer con Massimo Dapporto e Tullio Solenghi per la regia di Roberto Valerio. Un’inedita coppia gay con tutte le dinamiche di due coniugi provati da una vita fatta ormai di litigi e battibecchi. Una gara di bravura tra due consolidati interpreti della scena italiana che per la prima volta giocano con due personaggi davvero insoliti.

Proseguono anche gli appuntamenti alla Stagione 2015-16 del Teatro Gaspare Spontini di MAIOLATI, sabato 19 marzo sarà la volta di FISSO’ARMONIKOS di e con Giorgio Felicetti e con Valentina Bonafoni, prodotto da Esteuropaovest. La quasi vera storia della fisarmonica: una magica scatola sonora per una favola sentimentale, che fa ridere, commuovere, stupire, e invita lo spettatore a ballare i propri sogni ‘on the road’, che dall’Italia arriva alle strade d’Europa, e poi di là, fino alle Americhe.

Il cartellone di Maiolati Spontini si chiude martedì 5 aprile con lo spettacolo 7 MINUTI di Stefano Massini, con la grande Ottavia Piccolo per la regia di Alessandro Gassmann produzione ERT/Teatro Stabile dell’Umbria. Un’opera sul lavoro, i diritti, le garanzie, che descrive i rapporti ed i percorsi di vita di undici donne, madri, figlie, capaci di raccontarci una umanità̀ che tenta disperatamente di reagire all’incertezza del futuro.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
Categorie
AREA ESINO EVENTI

Domenica la Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi riapre al pubblico

Domenica la Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi riapre al pubblico 

Durante la settimana è aperta a visite guidate per scuole o gruppi su prenotazione

Domenica la Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi riapre al pubblico

JESI – A partire da domenica 6 marzo la Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi riapre al pubblico a ingresso libero e gratuito tutte le domeniche dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00

Durante la settimana Ripa Bianca è aperta a visite guidate per scuole o gruppi prenotando allo 0731.619213 oppure 3346047703

 

www.riservaripabianca.it

Categorie
AREA ESINO SPETTACOLI

I Rio saranno ospiti del Golden Cadillac Music Live di Jesi

I Rio saranno ospiti del Golden Cadillac Music Live di Jesi

Il concerto della band in programma sabato 19 marzo

I Rio saranno ospiti del Golden Cadillac Music Live di Jesi I Rio saranno ospiti del Golden Cadillac Music Live di Jesi

JESI – Sabato 19 marzo, dalle ore 22.30, i Rio saranno ospiti al Golden Cadillac Music Live di Jesi. Durante il concerto, presenteranno dal vivo ai loro fan marchigiani  , oltre ai brani storici, gli ultimi inediti tratti dai loro album . La band vanta un`intensissima attività live (oltre 600 concerti in 10 anni!), varie partecipazioni in qualità di head opening act ai concerti di Ligabue ed Elisa, concerti all`estero (Brasile, Messico, Romania, Belgio, Inghilterra e Francia), partecipazioni a importanti festival ed eventi radio/tv nazionali.  Gli ultimi 2 album “Fiori” e “Mediterraneo” sono balzati in cima alle classifiche di vendita su iTunes.  Nel  marzo 2015 è uscito  il primo album-best of dei Rio dal titolo “MARELUCE”, greatest hits formato da  32 brani storici della band e quattro brani inediti.

Sempre con un occhio di riguardo verso il nostro pianeta, i RIO portano avanti il rapporto ormai consolidato da anni di collaborazione con “Lifegate”, organizzazione che si occupa di riciclaggio e riforestazione ambientale realizzando il cd “FIORI” ad “Impatto Zero”. I Rio sostengono inoltre Greenpeace.

LINE UP:

Fabio Mora (voce)

Fabio “Bronsky” Ferraboschi (basso)

Alberto “Paddo” Paderni (batteria)

Gio Stefani (chitarra)

Ingresso 10,00 euro con consumazione

GOLDEN CADILLAC MUSIC LIVE – Via Costa Mezzalancia 1/C/D, ( di fianco al Teatro Pergolesi sito in Piazza della Repubblica ) Jesi -Ancona – Per info :392 5177255

Categorie
AREA ESINO SPETTACOLI

L’esplosivo Duo Burattini-Maculan a Palazzo Colocci

L’esplosivo Duo Burattini-Maculan a Palazzo Colocci

Mercoledì a Jesi anche una raffinata degustazione con l’Accademia Italiana della Cucina

L’esplosivo Duo Burattini-Maculan a Palazzo ColocciJESI – Dopo il grande successo della serata inaugurale martedì 9 febbraio, è per mercoledì 2 marzo il nuovo appuntamento di JAZZ CLUB JESI, la fortunata iniziativa di musica ed enogastronomia promossa dalla Fondazione “Lanari” in collaborazione con l’Accademia Italiana della Cucina Delegazione di Ancona, che propone nei magnifici saloni storici di Palazzo Colocci degustazioni di piatti tipici in abbinamento a concerti di alta qualità, per serate composite e raffinate di rara occasione.

Già salutati da trionfale accoglienza nell’edizione 2015 della Rassegna, arrivano mercoledì 2 marzo sulla scena del Palazzo jesino del ‘500 Ricky Burattini al piano elettrico e tastiere, con la voce coinvolgente di Leo Maculan. UN PO’ COME SINATRA è il titolo del nuovo concerto-spettacolo proposto dal travolgente e pirotecnico Duo di autentici fantasisti della musica: due artisti di ben noto virtuosismo e incontenibile simpatia, che di qualsiasi tema melodico fanno jazz raffinato e di ogni interpretazione musicale materia di spettacolo. E il suggestivo, ammiccante titolo lascia già immaginare non poco…

Come consuetudine, in accordo con l’Accademia Italiana della Cucina la serata si apre alle ore 20.30 con la degustazione enogastronomica: pietanza speciale del giorno è Lasagna al sugo bianco di coniglio, piatto originale proposto da Gastronomia Urbani di Jesi, di propria invenzione ma espressione di caratteristici saperi e sapori della grande tradizione locale; i vini sono proposti da Azienda Agrivinicola Montecappone di Jesi, il tutto con introduzione di contesto e descrizione di merito da parte degli esperti dell’Accademia.

Ingresso € 25 comprensivo di posto tavolo, concerto e degustazione enogastronomica. Prenotazione necessaria, entro il giorno prima: 0731-4684; 338-8388746; info@fondazionelanari.it

 

Categorie
AREA ESINO IN PRIMO PIANO POLITICA

Pronto soccorso di Jesi, saranno risolti i problemi

Pronto soccorso di Jesi, saranno risolti i problemi. Impegno di Volpini e Giancarli: “Ci stiamo muovendo con i fatti”

Pronto soccorso di Jesi, saranno risolti i problemi Pronto soccorso di Jesi, saranno risolti i problemiJESI – “È solo il rispetto per le istituzioni e per le persone che ci porta a rispondere al sindaco Bacci, perché la risposta data dal direttore dell’Area Vasta 2, ing. Maurizio Bevilacqua circa le azioni da organizzare per il pronto soccorso dell’ospedale “Carlo Urbani” di Jesi è già esaustiva”. Così il Presidente della Commissione Sanità, Fabrizio Volpini ed il consigliere regionale Enzo Giancarli, intervengono nel dibattito intavolato dal primo cittadino di Jesi sulla situazione del pronto soccorso dell’ospedale “Carlo Urbani”.

Facciamo presente al sindaco di Jesi – dicono Volpini e Giancarli – che le decisioni assunte dalla Direzione dell’Area Vasta e dagli organi tecnici sanitari nel sopralluogo effettuato lo scorso dicembre non sono rimaste nel cassetto, ma si sta procedendo e si è in attesa delle relative autorizzazioni. Inoltre, come ha già ricordato lo stesso ing. Bevilacqua, sono in corso approfondimenti per la strumentazione di carattere tecnologico. Conosciamo bene il funzionamento degli ospedali di rete e siamo abituati a muoverci con i fatti – continuano i consiglieri regionali PD –, quindi seguiremo con attenzione le criticità del pronto soccorso di Jesi, anche in base alle rilevazioni fatte dal Tribunale del Malato.

Allo stesso modo – aggiungono i due componenti della Commissione regionale Sanità – vigileremo perché anche nella struttura ospedaliera di Jesi, come già ricordato nei giorni scorsi, sia garantita l’applicazione della legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza, prevedendo sedute con medici provenienti dall’ospedale di Senigallia. E su quest’ultimo aspetto attendiamo di sentire anche la voce del sindaco Bacci, dato che finora ci sembra non si sia espresso in merito”.

Categorie
AREA ESINO SPETTACOLI

Domenica al Pergolesi di Jesi Marco Baliani porta in scena Trincea

Domenica al Pergolesi di Jesi Marco Baliani porta in scena Trincea

Domenica al Pergolesi di Jesi Marco Baliani porta in scena Trincea. La produzione, di Marche Teatro ha ricevuto il logo ufficiale delle Commemorazioni del Centenario della prima guerra mondiale dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Domenica al Pergolesi di Jesi Marco Baliani porta in scena Trincea

JESI – Prosegue la Stagione Teatrale 2015-16 del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi, domenica 28 febbraio alle ore 21.00 con il testo e l’interpretazione di Marco Baliani in TRINCEA diretto da Maria Maglietta; la produzione, di MARCHE TEATRO, ha ricevuto il logo ufficiale delle Commemorazioni del Centenario della prima guerra mondiale dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Scene e luci sono di Lucio Diana, musica e immagini di Mirto Baliani, visual design David Loom, costumi e elementi di scena Lucio Diana, Stefania Cempini.

Uno spettacolo aspro, crudo, a tratti grottesco, un viaggio dentro l’indicibile della Prima guerra mondiale, la follia, la paura, la perdita d’identità. Il corpo di un soldato nelle trincee della Prima guerra mondiale. Lo spettacolo teatrale di Marco Baliani è uno scavo dentro la disgregazione spirituale di quel singolo corpo umano. Movimento suono immagini parole cercano di mostrare l’indicibile di quella guerra, la follia, la paura, la perdita di identità, la trasformazione di esseri umani in ingranaggi di una enorme fabbrica produttrice di morte. E su tutto la fame, di cibo, di acqua, di umanità, di relazioni. Uno spettacolo aspro, crudo, a tratti grottesco, un viaggio dentro la notte della nostra Modernità.

Dalle note di Marco Baliani: – Sono trascorsi cento anni dal primo conflitto mondiale. Ci saranno celebrazioni, pubblicazioni, conferenze, riflessioni, e altro ancora.

Io vorrei provare a toccare un piccolo punto di quell’immensa catastrofe, un solo corpo, quello di un qualsiasi soldato, anonimo, non appartenente ad una precisa nazionalità, e toccare quel corpo nel luogo più emblematico di quella guerra, la trincea.

Vorrei tentare di essere laggiù, in quel punto di una trincea di molti anni fa, ed esserci prima di tutto fisicamente, come corpo, in una forma di mimesi totale, in modo da essere così immerso nella dimensione dell’orrore e della sua gratuità da percepire almeno per un istante “il tipo di esistenza” di quel soldato.

Per il soldato in trincea il tempo si assolutizza in un puro denso presente, un tempo inceppato nella minuta quotidianità della sopravvivenza, fatto di gesti folli divenuti normali, di azioni compiute per inerzia, senza speranza di cambiamenti. La percezione del tempo, impedisce alla parola di farsi discorso, essa gira in un flusso vegetativo o semidormiente, si etilizza, ubriaca di terrore o di fame o comunque di mancanze. La narrazione non può più espletarsi in un flusso temporale continuo lineare e accertato da un inizio e una fine, ma viene spezzata, impossibilitata a compiersi, gli improvvisi vuoti dell’anima non sono più ricomponibili né colmabili in parole, il vivere diviene un inarrestabile fluire di frammenti, come frammentato appare il Tempo per chi in ogni istante è sottoposto alla casualità di un morire inutile  e atroce.

L’individuo perde la coscienza della propria individualità, il singolo soldato diviene ingranaggio di una immensa fabbrica produttrice di morte,è un pezzo di ricambio, un pezzo di artiglieria fatto di carne umana.

La prima guerra mondiale sperimenta su larga scala una forma di totale assoggettamento dell’uomo, la sua riduzione ad automa, fantoccio, cosa.

E’ da qui, da quel momento storico che si inaugura in occidente la possibilità di un controllo biopolitico del corpo umano, in forma industriale, di massa.

Aprendo la strada ai tanti totalitarismi del terrore del nostro Novecento -.

La Stagione del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi è promossa insieme alla Stagione 2015-16 del Teatro Gaspare Spontini di Maiolati dalla Fondazione Pergolesi Spontini con gli Assessorati alla Cultura dei Comuni di Jesi e di Maiolati Spontini, in collaborazione con MARCHE TEATRO Teatro di Rilevante Interesse Culturale e AMAT, con il contributo di UBI Banca Popolare di Ancona e di Sogenus.

L’appuntamento successivo sarà poi domenica 6 marzo, con la Compagnia Umberto Orsini e lo spettacolo IL PREZZO di Arthur Miller, con un cast importante che vede in scena: Umberto Orsini, Massimo Popolizio, Alvia Reale, Elia Schilton, la regia è di Massimo Popolizio. Che prezzo si è disposti a pagare per raggiungere i propri obiettivi e per mantenere il proprio benessere?

Martedì 15 marzo, Maria Amelia Monti e Paolo Calabrese sono i protagonisti di NUDI E CRUDI di Alan Bennett, in palco con loro anche Nicola Sorrenti; la pièce è diretta da Serena Sinigaglia. Lo spettacolo è prodotto da a.ArtistiAssociati. Sul filo di un’ironia mai scontata o volgare, Bennett affronta il tema della relazione uomo-donna e suggerisce con struggente e profonda delicatezza quanto sia difficile amare.

Martedì 29 marzo, la Star Dust Show Productions presenta QUEI DUE di Charles Dyer con Massimo Dapporto e Tullio Solenghi per la regia di Roberto Valerio. Un’inedita coppia gay con tutte le dinamiche di due coniugi provati da una vita fatta ormai di litigi e battibecchi. Una gara di bravura tra due consolidati interpreti della scena italiana che per la prima volta giocano con due personaggi davvero insoliti.

Proseguono anche gli appuntamenti alla Stagione 2015-16 del Teatro Gaspare Spontini di MAIOLATI; sabato 19 marzo sarà la volta di FISSO’ARMONIKOS di e con Giorgio Felicetti e con Valentina Bonafoni, prodotto da Esteuropaovest. La quasi vera storia della fisarmonica: una magica scatola sonora per una favola sentimentale, che fa ridere, commuovere, stupire, e invita lo spettatore a ballare i propri sogni ‘on the road’, che dall’Italia arriva alle strade d’Europa, e poi di là, fino alle Americhe.  Il cartellone di Maiolati Spontini si chiude martedì 5 aprile con lo spettacolo 7 MINUTI di Stefano Massini, con la grande Ottavia Piccolo per la regia di Alessandro Gassmann produzione ERT/Teatro Stabile dell’Umbria. Un’opera sul lavoro, i diritti, le garanzie, che descrive i rapporti ed i percorsi di vita di undici donne, madri, figlie, capaci di raccontarci una umanità̀ che tenta disperatamente di reagire all’incertezza del futuro.

 INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI

Biglietteria Teatro Pergolesi Tel. 0731 206888 – biglietteria@fpsjesi.com www.fondazionepergolesispontini.com

Marche Teatro: TEATRO DELLE MUSE Tel. 071 52525 – biglietteria@teatrodellemuse.org  www.marcheteatro.it

Amat: Tel. 071 2072439 – info@amat.marche.it  www.amatmarche.net

Categorie
AREA ESINO CRONACA

Il gioco delle belle tasse, a Jesi oltre 100 alunni in Comune

Il gioco delle belle tasse, a Jesi oltre 100 alunni in Comune

Il gioco delle belle tasse, a Jesi oltre 100 alunni in Comune Il gioco delle belle tasse, a Jesi oltre 100 alunni in ComuneJESI – Sala del Consiglio comunale “invasa” questa mattina da 109 alunni delle quattro prime classi della scuola secondaria di primo grado “Giacomo Leopardi” di Jesi per l’iniziativa “Il gioco delle belle tasse”, promossa dallo stesso istituto in collaborazione con il professor Franco Fichera, già docente di diritto tributario e preside della facoltà di giurisprudenza dell’università di Napoli.

Il “gioco” si ispira al libro scritto da Fichera “La bella tassa” (Einaudi 2011) e si tratta di un esperimento educativo originale e straordinario rivolto agli studenti per spiegare loro il significato di tasse, governo, spesa pubblica.

Con penne, monete di cioccolata, cartelline e fogli per la dichiarazione dei redditi, gli studenti, guidati dal professore, hanno dato vita ad un governo – assiso sui banchi della Giunta – con relativi esattori, amministratori del tesoro e cittadini chiamati a pagare le tasse.

Hanno toccato con mano cosa significhi “un sacrificio individuale per l’interesse collettivo”  con obiettivi che riguardano ognuno di noi: strade, ospedali, scuole, sicurezza, servizi. Persino l’operatività della sede del Comune dove si svolgeva la manifestazione – ha fatto notare Fichera – deriva dal pagamento delle tasse.

È stato come un viaggio che, attraverso le idee, le sensazioni, le domande, la curiosità di tutti i ragazzi ha voluto percorre le strade del vero senso del bene comune.

L’iniziativa prosegue nel pomeriggio di oggi, alle 17, nell’aula magna della scuola “Leopardi” dove si ritroveranno i genitori ai quali il professor Fichera spiegherà come si è svolta la mattinata in Comune con i loro figli. Presenzieranno anche la dirigente Fabiola Fabbri e l’assessore Rolando Roncarelli.

Categorie
AREA ESINO POLITICA

Bacci sul pronto soccorso: “Chiederò subito chiarimenti”

JESI / Bacci sul pronto soccorso: Chiederò subito chiarimenti”. Ora il sindaco chiederà un sopralluogo in tutti i reparti

Bacci sul pronto soccorso: “Chiederò subito chiarimenti”JESI – “Prendo atto delle dichiarazioni del presidente del Tribunale del Malato circa le criticità denunciate al pronto soccorso del Carlo Urbani. Personalmente non credo di aver mai detto che tutto va bene al pronto soccorso, ma non è questo il punto. Sarà piuttosto mia premura chiedere subito un incontro al direttore generale dell’Area Vasta e al direttore generale dell’Asur per i necessari chiarimenti circa la situazione che è stata prospettata”.

Così il sindaco Massimo Bacci che aggiunge: “In verità nella visita organizzata recentemente al Carlo Urbani dal direttore Bevilacqua con il presidente della Commissione regionale della sanità Volpini ed il consigliere Giancarli, dove non si è ritenuto opportuno invitare il sindaco di Jesi, i due esponenti regionali si sarebbero fatti carico del problema del pronto soccorso, o almeno così è stato evidenziato dalla stampa. Visto quello che il Tribunale del Malato denuncia oggi, a questo punto sarò io a chiedere di fare un sopralluogo in tutti i reparti per capire come stanno realmente le cose”.

Categorie
AREA ESINO SPETTACOLI

Il Teatro Pergolesi di Jesi festeggia Rossini

Il Teatro Pergolesi di Jesi festeggia Rossini. Lunedì 29 febbraio nel giorno del 224° anniversario della nascita del grande compositore pesarese

Il Teatro Pergolesi di Jesi festeggia RossiniJESI – Il Teatro Pergolesi di Jesi festeggia Gioachino Rossini nel giorno del suo compleanno, il 29 febbraio. In occasione della ricorrenza dei 224 anni della nascita, il grande pesarese sarà celebrato anche nella città di Giovanni Battista Pergolesi, con un concerto dal titolo “TANTI AUGURI ROSSINI”, il primo dei tre appuntamenti della rassegna “SINFONICA 3.0” organizzata e promossa dalla Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con l’Orchestra Sinfonica G. Rossini e con l’ensemble Salvadei Brass.

Lunedì 29 febbraio alle ore 21 il palcoscenico jesino ospita l’Orchestra Sinfonica G. Rossini, sul podio il M° Daniele Agiman, direttore principale della stessa Orchestra Rossini e tra i direttori d’orchestra italiani più attivi a livello internazionale. Canta Maria Aleida, giovane e già affermato talento del belcanto già protagonista del grande successo dei Puritani di Bellini durante la Stagione Lirica 2012 del Teatro Pergolesi. Cubana di nascita, l’Aleida è considerata un vero fenomeno della coloratura vocale, con una voce fuori dal comune per estensione (3 ottave), musicalità e qualità.

Nel programma della serata, sinfonie ed arie tratte dalle opere del genio pesarese, ed una nuova composizione di Roberto Molinelli a lui dedicata, dal titolo “Rossini-Fantasie ossia Guglielmo, il Barbiere ladro di Siviglia”. Di Rossini, saranno eseguite le sinfonie de L’italiana in Algeri, La Cenerentola, Tancredi, Aureliano in Palmira, l’aria “Non si dà follia maggiore” da Il turco in Italia, “Una voce poco fa” da Il barbiere di Siviglia, “Partir, oh ciel! desio” da Il viaggio a Reims, “Giusto Dio che umile adoro” dal Tancredi, “Tremar Zenobia?… Là pugnai; la sorte arrise” dall’Aureliano in Palmira.

MARIA ALEIDA ha cominciato gli studi vocali presso il Conservatorio Vincente Emilio Sojo in Venezuela. Nel 2007 si è trasferita a Miami dove ha continuato gli studi con Manny Perez. In seguito ha frequentato masterclasses con Mirella Freni in Venezuela (2007) e Montserrat Caballè a Zaragoza (2008). Attualmente perfeziona la sua tecnica vocale con il Maestro Bill Schuman. Vincitrice di numerosi concorsi vocali, fra i quali “Montserrat Caballe International Voice Competition” a Zaragoza (2008), “Mario Lanza Institute” a Philadelphia (2009), “Licia Albanese Puccini Foundation” a New York (2010) e “New England Region” a Boston, è stata finalista alle Metropolitan Opera National Council Auditions (2011). Per il secondo anno consecutivo Maria Aleida è “Resident Artist” all’Academy of Vocal Arts di Philadelphia. Nel 2011 ha debuttato al Festival della Valle d’Itria di Martina Franca interpretando il ruolo di Zenobia in Aureliano in Palmira e ha compiuto il prestigioso debutto al Rossini Opera Festival di Pesaro interpretando il ruolo della Contessa di Folleville in Il viaggio a Reims. L’anno successivo è tornata sul palcoscenico del Rossini Opera Festival ottenendo un successo personale in Il signor Bruschino (Sofia). Nella stagione 2012/13 ha debuttato nel ruolo di Elvira in I puritani al Teatro Pergolesi di Jesi e nel ruolo della Regina della Notte in Die Zauberflöte all’Opera Carolina di Charlotte. Durante la stagione 2014/15 ha debuttato presso il Maggio Musicale Fiorentino interpretando Elvira in una nuova produzione de I puritani e ha debutto in Costarica nel ruolo di Adina in L’elisir d’amore. Ha preso parte inoltre ad un world tour di concerti al fianco di Andrea Bocelli.

 DANIELE AGIMAN, milanese, è tra i direttori d’orchestra italiani più attivi a livello internazionale. In Corea del Sud e Giappone è ospite regolare delle più prestigiose istituzioni, in particolare in campo operistico; nel dicembre 1992 ha debuttato al Konzerthaus di Vienna ed al Brucknerhaus di Linz, su invito della Wiener Kammerorchester. In seguito all’affermazione al 1° Concorso Mario Gusella (primo classificato assoluto, Pescara 1991), viene invitato da tutte le più importanti orchestre italiane, nei più prestigiosi teatri e stagioni concertistiche. Si è particolarmente impegnato nella diffusione e valorizzazione della produzione di autori contemporanei, dirigendo tra l’altro molte prime esecuzioni di compositori italiani. È Direttore Principale dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini di Pesaro dal 2009. È titolare della cattedra di Direzione d’Orchestra presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Dal marzo 2007 è Professore Onorario di Direzione d’Orchestra presso l’Università Kurashiki Sakuyo in Giappone.

L’ORCHESTRA SINFONICA G. ROSSINI ha sede a Pesaro e Fano. L’organico, selezionato tramite audizioni, è costituito in maggior parte da diplomati provenienti dal Conservatorio Statale di Musica G. Rossini. Il nucleo storico partecipa da oltre venticinque anni alle più importanti stagioni liriche e concertistiche della Regione Marche. Le figure di riferimento dell’orchestra con le quali collabora stabilmente sono Daniele Agiman (direttore principale), Roberto Molinelli (direttore per l’innovazione) e Noris Borgogelli (direttore artistico). La stagione concertistica dell’O.S.R. è riconosciuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e circa 90 all’anno sono le esecuzioni in Italia e all’estero. Organizza produzioni per Pesaro (Teatro Rossini e Rocca Costanza), Fano (Teatro della Fortuna e Corte Sant’Arcangelo), Urbino (Teatro Sanzio) e per la Provincia di Pesaro-Urbino nei teatri storici. L’O.S.R. è organizzatrice ed interprete di Sinfonica 3.0, Musica a Corte, I Concerti Xanitalia, Festival Giovani per la Musica, Giovani in crescendo, La scuola va a teatro e i Concerti di Mezzogiorno del Teatro della Fortuna, manifestazioni di successo nel panorama musicale italiano. Di grande prestigio la presenza costante nel cartellone del Rossini Opera Festival e l’incarico di orchestra principale per la Fondazione Teatro della Fortuna di Fano. L’opera Aureliano in Palmira, allestita per il ROF 2014 in cui l’orchestra era coinvolta, è stata insignita del prestigioso International Opera Awards come miglior riscoperta. Ha realizzato tournée in Giappone, Cina, Svizzera, Corea del Sud, Malta, Turchia, Austria, Francia, Germania e Svezia. In Italia si è esibita in importanti Teatri ed ha partecipato a festival e stagioni musicali di grande prestigio. Di grande soddisfazione la collaborazione con Nicola Alaimo, Andrea Battistoni, Mario Biondi, Andrea Bocelli, Stefano Bollani, Fabrizio Bosso, Simonide Braconi, Roberto Cappello, Anna Maria Chiuri, Eddie Daniels, Mariella Devia, Enrico Dindo, Marcello Giordani, Corrado Giuffredi, Mario Marzi, Michele Pertusi, Marcello Rota, Corrado Rovaris, Giovanni Sollima, Dimitra Theodossiou e Alberto Zedda.

La “SINFONICA 3.0 “ prosegue mercoledì 9 marzo alle ore 21 con l’evento musicale PINK FLOYD, La storia la leggenda. Sul palco, la Rossini Pop Orchestra diretta da Roberto Molinelli, unitamente ai Dna Tribute Band, storico gruppo di Ancona specializzato nelle musiche della band inglese, con Claudio Salvi che firma concept e testi di uno spettacolo che ricostruisce la storia della celebre band inglese, legata ai maggiori avvenimenti del periodo: un percorso guidato attraverso le vicende più significative del gruppo ed i brani che hanno segnato la sua carriera dagli anni Sessanta fino ad oggi. In chiusura, sabato 19 marzo alle ore 21, il concerto Ottoni all’Op(e)ra con la banda di ottoni marchigiana Salvadei Brass e la partecipazione straordinaria di Fabrizio Fabrizi prima tromba del Teatro San Carlo di Napoli e già ospite della città di Jesi e del Festival Pergolesi Spontini. Composto da musicisti marchigiani, il Salvadei Brass si è costituito con lo scopo di proporre le più belle pagine musicali in arrangiamenti e trascrizioni per ottoni e percussioni. Il programma – musiche di Mascagni, Verdi, Bizet, Carmichael, Agustin, Zequinha, Gershwin – si snoda tra trascrizioni originali tratte dal più noto repertorio lirico fino a giungere a brani di genere diverso, tra cui musiche da film.

Carnet 3 concerti: € 33. Posto unico: intero € 18, ridotto € 12, ridotto Opera Card € 10, ridotto scuole € 4; Loggione € 8 (in vendita il giorno stesso del concerto).

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI:

Biglietteria Teatro G.B. Pergolesi dal mercoledì al sabato 9.30-12.30/17.00-19.30 (escluso festivi) e da un’ora prima dell’inizio di ogni spettacolo Tel. 0731 206888 – biglietteria@fpsjesi.com – www.fondazionepergolesispontini.com

 

Categorie
AREA ESINO CULTURA

A Jesi l’istruzione si fa a colpi di quiz

A Jesi l’istruzione si fa a colpi di quiz. Entusiasmante la risposta delle scuole che stanno ospitando High School Game

A Jesi l’istruzione si fa a colpi di quiz A Jesi l’istruzione si fa a colpi di quizJESI – E’ entusiasmante la risposta delle Scuole che stanno ospitando High School Game. Attraverso il Concorso Didattico, gli studenti acquisiscono nozioni che successivamente vengono sottoposte a verifica immediata attraverso un coinvolgente metodo del quiz multi-risposta. Gli elementi che decretano la vittoria sono: lavoro in team, velocità, attenzione prestata alla spiegazione iniziale.

Il metodo didattico utilizzato dal Format entra subito in sintonia con i giovani che restano soddisfatti ed entusiasti dell’esperienza che vivono. Anche i docenti restano stupefatti dai risultati di apprendimento degli studenti.

Grandissimo successo nelle precedenti tappe di Pesaro (IPSIA G. Benelli) e Jesi (AN) (ITIS Marconi e IPSIA Pieralisi).

Lo staff martedì, ha fatto tappa all’ITCG Cuppari di Jesi dove ad attenderli c’erano oltre 150 ragazzi entusiasti ed emozionati davanti alle telecamere della Peaktime. I contest, infatti, vengono ripresi e diventeranno una divertente quanto istruttiva trasmissione televisiva che andrà in onda prossimamente su èTV Marche (canale 12).

“Iniziativa intrigante e molto valida attraverso la quale emerge la competizione posivita tra ragazzi. All’interno del nostro Istituto abbiamo adottato questo metodo didattico per alcune discipline in quanto abbiamo riscontrato dei risultati sorprendenti di apprendimento.” ha dichiarato Katya Mastantuono, Collaboratrice del Dirigente Scolastico dell’ITCG Cuppari.

Presente all’evento di martedì anche il Presidente dell’AVIS di Jesi, Bruno Dottori, che si è complimentato con i ragazzi per l’entusiasmo e i risultati ottenuti, incoraggiandoli ad essere responsabili e a scoprire la gioia di donare se stessi per aiutare gli altri. Non sono mancati  i complimenti allo staff della Peaktime, che ormai da 5 anni svolge questo tipo di attività nelle Scuole.

Giovedì, High School Game sarà ospitato dall’IIS Einstein Nebbia di Loreto e venerdì dall’Istituto Tecnico Bramante Genga di Pesaro per un doppio appuntamento.

I sostenitori del Concorso nelle Marche sono: Banca delle Marche, Unicam (Università di Camerino), Università di San Marino, IMT (Istituto Marchigiano di Tutela dei Vini),  CNA, NewBeetle viaggi studio, AVIS Marche, Gallerie Commerciali Italia e MedGroup.