Il contest giovanile SayFest Fano raggiunge tutta Italia con la sua seconda edizione

Il contest giovanile SayFest Fano raggiunge tutta Italia con la sua seconda edizione

di LORENZO DE CINQUE

FANO – Si è svolto il SayFest Fano, contest di poesia, musica e spettacolo rivolto a giovani tra i 14 e i 35 anni. Organizzato dalle giovani fanesi Martina Broccoli, Veronica Orciari, Selene Chersicla dell’Associazione Dondolarti assieme alla cantante Clarissa Vichi, il festival ha visto la partecipazione di ben 39 sfidanti provenienti da tutta Italia.

Tra i dati significativi, oltre all’incremento delle iscrizioni rispetto allo scorso anno, la portata nazionale dell’evento fanese. Sono giunti in città giovani provenienti da Torino, Verona, Ancona, Roma, Bari e addirittura Catania. Grande soddisfazione da parte delle organizzatrici che commentano: “Il nostro festival si basa sulla comunione delle persone, la convivialità e siamo felici che il festival stia crescendo”.

Questo, un evento monitorato anche dalla stessa amministrazione comunale che, nella persona dell’assessora alle Pari Opportunità Sara Cucchiarini ha manifestato tutto il proprio sostegno all’iniziativa, anche con il patrocinio. “Qui viene dato un valore condiviso a quella parte creativa che esce dalla vostra cameretta – commenta l’assessora rivolgendosi ai partecipanti – e questo è un palco a vostra disposizione”.

Ad intrattenere le due serate anche due ospiti di portata nazionale: la cantante MILLE, direttamente da X-Factor 2015, che da subito ha fatto un endorsement al SayFest ribandendo come “i festival sono tasselli fondamentali per i giovani artisti perché tocchi con mano ciò che le persone fanno con gioia e passione”; sulla stessa linea d’onda anche il secondo ospite, l’attore e drammaturgo Michele Pagliaroni, direttore del Centro Teatrale dell’Università di Urbino: “Per il teatro, un festival è uno strumento per incidere nella realtà della propria città, come sta avvenendo qui”.

I giudici della competizione, inoltre, hanno messo in evidenza il livello alto degli inediti in gara. Marco Florio, ex Direttore del Teatro della Fortuna di Fano, ha sottolineato come i testi drammaturgici si siano rivelati “molto complessi, profondi e per niente banali”. Dello stesso avviso anche l’insegnante fanese Greta Gaspari, giudice per la categoria Poesia, che ha evidenziato come “le poesie in gara sono state interessanti, intense e di un livello medio-alto”.

Se la prima serata si è svolta presso il Bastione Sangallo, quella di mercoledì sera, per rischio pioggia, è avvenuta presso il Teatro Politeama dove i concorrenti della categoria Musica si sono avvicendati riempiendo l’intera platea del complesso. I brani in gara hanno abbracciato tutti i generi, dal rock della giovane band fanese Sick Orange passando per l’indie del duo romano Preferisco Ignazio, fino al rap di Simone Scapolaro.

I vincitori della seconda edizione del SayFest Fano con premio del valore di 200€ sono stati: per la categoria Spettacolo, la torinese Virginia Risso che ha convinto i giudici con il monologo “Una vita da Favola”, mettendo in risalto molte discriminazioni di genere del giorno d’oggi partendo dalle principesse Disney; la categoria Poesia, invece, è stata vinta da Lorenzo D’Agostino con la composizione “Il tramonto dei mostri”; per la categoria Musica, ad avere la meglio è stata la band anconetana Il Trio del 9, con la canzone “Il fosso di Helm”, ispirata all’incontro del frontman con la sua ragazza. Il Premio speciale dello sponsor Schnell del valore di €150, invece, è stato vinto ex aequo dai cantanti Alessandro Pirolli e Dirlinger.

Il SayFest si chiude quindi con un bilancio positivo e dà appuntamento alla città di Fano l’anno prossimo per la terza edizione.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: