Rifondazione sul sindaco di Chiaravalle: “Il Consiglio comunale deve dare un segnale forte alla comunità”

Rifondazione sul sindaco di Chiaravalle: “Il Consiglio comunale deve dare un segnale forte alla comunità”

CHIARAVALLE – Sul “caso Costantini” ospitiamo oggi una lettera aperta del Circolo di Chiaravalle di Rifondazione Comunista inviata ai consiglieri ed al presidente del Consiglio comunale.

“La brutta vicenda che vede coinvolto il Sindaco della nostra città nell’accusa di stalking nei confronti di una dipendente comunale e i conseguenti provvedimenti del giudice che vietano allo stesso il libero accesso negli edifici del Comune – vi si legge – è un fatto di estrema gravità. Se a questo si aggiunge che l’accusa e i divieti, pur essendo stati notificati da oltre due mesi, impedendo in questo tempo al primo cittadino si svolgere privo di ostacoli e di limitazioni il proprio mandato, senza, così almeno si deduce, che il consiglio e il suo Presidente ne siano stati informati, diventano evidente vulnus istituzionale verso l’organo deliberante ed i suoi membri.

“Non è giusto, e non lo faremo, esprimere giudizi di merito sulle accuse e sull’intera vicenda né, in questo frangente, è utile chiedere al Sindaco dimissioni che attengono al suo senso delle istituzioni, ai suoi valori alla sua coscienza. È invece indispensabile chiedere al Consiglio di riappropriarsi in pieno delle sue funzioni a cominciare dalla censura dell’atteggiamento, fin qui omissivo, che il Sindaco ha avuto nei confronti del Consiglio comunale. Non è solo un fatto di dignità dell’organo e di chi ora lo compone ma una questione essenziale che riguarda la democrazia.

“Discutere, scegliere, deliberare comporta la piena conoscenza di ogni fatto e si fonda sul rispetto e la fiducia reciproca tra gli organi rappresentativi dell’amministrazione che questa omissione ha minato. È chiaro che tocchi al Consiglio lo sforzo di riprendere la sua potestà per dare un segnale forte alla comunità sicuramente colpita da questa vicenda, confusa dal chiacchiericcio, sfiduciata da tanto cattivo clamore. Per questo ci rivolgiamo a voi affinché al più presto il Consiglio si riunisca, affronti con un dibattito limpido tutte le questioni, istituisca, come pare necessario, una commissione paritaria capace di affrontare tutti gli aspetti che riguardano le difficoltà al funzionamento amministrativo e politico dell’Ente gravato dai risvolti di questa vicenda. Soprattutto che, in tempi brevi, renda chiaro alla città i risultati di questo lavoro.

“È stato detto, da più parti, della necessità che le grandi crisi, sanitaria ed economica, di questo tempo debbano essere affrontate con rapidità, impegno e che, attraverso la fiducia, mobilitino il massimo della partecipazione. Spetta al Consiglio – conclude Rifondazione Comunista –  il compito di realizzarne le condizioni. Occorrono libertà di pensiero, coraggio e senso delle istituzioni, che auspichiamo non vengano a mancare in questo momento”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: