Bilancio più che positivo a Cartoceto per la mostra mercato dell’olio e dell’oliva

Bilancio più che positivo a Cartoceto per la mostra mercato dell’olio e dell’oliva

CARTOCVETO – Bilancio più che positivo per l’edizione 2021 di “Cartoceto Dop, il Festival – 44^ Mostra Mercato dell’Olio e dell’Oliva”, iniziativa organizzata dal Comune di Cartoceto e dalla Pro Loco cittadina con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, della Regione Marche e della Fondazione Marche Cultura e la partnership di Confcommercio Pesaro, Food Brand Marche, Museo del Balì e l’Università Politecnica delle Marche.

Si è chiusa oggi la prestigiosa kermesse dedicata all’unica Dop olearia delle Marche registrando un’ottima adesione di pubblico, in buona parte proveniente anche dalle regioni limitrofe, e la soddisfazione dei produttori, protagonisti come sempre della manifestazione.

Un’annata di grande eccellenza per l’olio Dop Cartoceto, grande qualità, valori nutrizionali molto elevati, con bassa acidità (0,18%), quasi totalmente biologico, dato che la temperatura elevata ha permesso di eliminare la mosca e dunque di non utilizzare prodotti fitosanitari a protezione delle piante.

L’edizione di quest’anno è stata particolarmente ricca di iniziative di grande successo. Oltre ai concerti al Teatro del Trionfo di Chiara Civello, Rita Marcotulli e Bungaro, sempre frequentatissimi da visitatori proveniente anche da fuori regione, emozione e plauso generale lo hanno riscosso anche gli spettacoli di video-mapping dedicati a Padre Stefano Pigini che hanno raccontato e valorizzato un personaggio di grande sensibilità, fortificando le radici identitarie di Cartoceto.

E poi i sentieri verdi, le numerose mostre, l’animazione itinerante, gli spettacoli per i bambini, gli aperitivi musicali in piazzetta Guerrazzi. Un percorso variegato che ha offerto tantissime modalità per vivere il borgo antico, assaporandone tutte le atmosfere.

«Nonostante il meteo non ci sia stato sempre favorevole, in particolare nella prima domenica – racconta il Sindaco di Cartoceto Enrico Rossi – siamo soddisfatti della risposta di pubblico e del forte interesse che i produttori hanno riscosso per quella che è l’eccellenza agroalimentare del nostro territorio. Il risultato ci conforta nelle scelte fatte ormai circa 8 anni fa quando abbiamo voluto legare la promozione dell’olio Dop Cartoceto a tutta una serie di iniziative artistico-culturali in grado di intercettare pubblici diversi per provenienza ed interesse, portandoli a visitare il nostro borgo e a scoprire un intero territorio, con evidenti ricadute sul piano economico e promozionale dei nostri luoghi».

E il territorio cui si fa riferimento è quello ampio dell’areale della Dop. «Quando parliamo di Dop Cartoceto parliamo di quattro comuni, il capofila, Cartoceto e poi Mombaroccio, Colli al Metauro e Fano – puntualizza Rossi – Un territorio ampio, dalla forte connotazione olearia in grado di produrre una eccellenza regionale riconosciuta e apprezzata – continua – ma anche un territorio che va raccontato per il suo genius loci, per tutto quel ventaglio di bellezza, possibilità e ricchezza culturale che è in grado di offrire».

Proprio per questa ragione, tra gli intendimenti, per la prossima primavera vi è il rendere itineranti per l’areale una serie di iniziative artistico-culturali volte a promuovere un intero territorio con tutte le sue peculiarità.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: