“La collaborazione alla base del lavoro”, a Urbino una mattinata di studio sulla Protezione civile

“La collaborazione alla base del lavoro”, a Urbino una mattinata di studio sulla Protezione civile

URBINO – Attività e modalità di gestione del Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile: è stato il tema al centro di una mattinata di studio e confronto. Un’iniziativa voluta e organizzata dall’Amministrazione Comunale per chiarire alcuni aspetti normativi e operativi, con l’intento di dare direttive chiare al rinnovato gruppo comunale.

Il Sindaco, Maurizio Gambini, responsabile della Protezione Civile a livello comunale, ha aperto il dibattito: «Per la nostra città è fondamentale avere un gruppo ben formato, che possa contare su una corretta e precisa organizzazione, affinché possa essere operativo e funzionare al meglio. Questo è l’obiettivo dell’Amministrazione, ma è indispensabile poter contare sulla collaborazione e il rispetto dei ruoli».

Il vice prefetto Antonio Angeloni ha sottolineato, infatti, che l’elemento essenziale alla base del lavoro dei volontari deve essere la collaborazione, per questo ha richiamato alla responsabilità invitando i volontari al rispetto delle regole e delle Istituzioni.

L’assessore regionale per la Protezione Civile, Stefano Aguzzi, ha colto lo spunto ribadendo: «Il rapporto tra il Sindaco e il coordinatore è gerarchico, leale e collaborativo, con l’assenza di qualsiasi condizionamento politico o personale, perché operare al servizio degli altri indossando una divisa comporta una doppia responsabilità».

Lino Mechelli, consigliere comunale incaricato per la Protezione Civile, ha ripercorso la storia del gruppo comunale, nato nel febbraio del 2005: «Oggi siamo orgogliosi di poter contare su 36 volontari e altri in attesa del corso di formazione. Ci sono i presupposti per organizzare un buon lavoro. Negli ultimi mesi ci sono state alcune incomprensioni, che hanno rallentato le attività, ma tutto si può superare con la buona volontà, il rispetto delle regole e la leale cooperazione tra Amministrazione comunale, coordinatore e gruppo».

Mauro Perugini, responsabile regionale Protezione Civile settore volontariato, ha sottolineato: «Oltre alle normative di riferimento, la formazione, la vicinanza con le Istituzioni e il buon senso sono le basi per il coordinamento delle attività di ogni gruppo».

Sono intervenuti Mara Mandolini, responsabile tecnico-amministrativo del gruppo e i rappresentanti delle forze dell’ordine: Simone Pineschi dirigente del Commissariato di Polizia di Stato, Agostino Langellotti capitano della Guardia di Finanza della stazione di Urbino, Fabio Mengucci comandante della Polizia Municipale, Michele Bonaventura per il Comando dei Vigili del Fuoco di Urbino, presente Fabio Costantini responsabile dei Carabinieri stazione di Urbino.

Una chiara testimonianza è pervenuta dalle esperienze dei gruppi comunali di  Pesaro e Fano, rappresentati dai coordinatori Ugo Schiaratura e Saverio Olivi, che hanno sostenuto l’importanza di un confronto flessibile in ragione della realtà locale, perché ogni comunità ha le sue esigenze. Contributi tecnici di Odelco Melini coordinatore provinciale e  Cristiana Ugolini formatrice.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: