Olimpiadi Pechino 2022: le discipline sciistiche previste

Olimpiadi Pechino 2022: le discipline sciistiche previste

ANCONA – Next stop Pechino. Questa è la frase più ricorrente nelle menti degli appassionati di sport sulla neve. Le prossime Olimpiadi invernali sono ormai vicine e si terranno nel 2022 nella capitale cinese. La città è in fermento, in quanto tutto dovrà essere perfetto per l’arrivo dei partecipanti, sia a livello di infrastrutture che di impianti. Fonti cinesi parlano di lavori perfettamente in linea con la tabella di marcia. Quindi non ci resta che attendere l’accensione della torcia olimpica e iniziare a tifare per gli atleti Azzurri. Si inizierà con la cerimonia di apertura prevista per il 4 febbraio, mentre il 20 del mese ci sarà quella di chiusura. Le gare in programma saranno 109, suddivise in 15 discipline sportive, alle quali prenderanno parte ben 2900 atleti provenienti da 89 paesi di tutto il mondo.

A differenza di quanto successo nel 2018 a PyeongChang, nelle Olimpiadi invernali 2022 esordiranno alcune discipline completamente nuove. Tra queste possiamo annoverare il monobob femminile e la staffetta mista si nello snowboard cross che nello short track. Ma a farla da padrone sarà ancora sua maestà lo sci, con le sue 6 discipline e 55 gare, che restano tra gli eventi olimpici più seguiti in assoluto. A partire dal salto con gli sci (5 gare), una disciplina adrenalinica presente fin dalla prima edizione del 1924 a Chamonix. Nel 2018, fu la Norvegia a dominare il medagliere in quest’ambito, portandosi a casa ben 5 medaglie su 12 totali, di cui 2 d’oro e sono ancora gli scandinavi i favoriti in questa disciplina, come confermano le vittorie nel 2021 e le quote sulle Olimpiadi. A secco, invece, è rimasta l’Italia. Dal 2022, inoltre, esordirà la gara di salto con gli sci a squadre miste, una novità assoluta.

Altra disciplina sciistica prevista è quella dello sci freestyle (13 gare), con l’esordio del big air maschile e femminile, così come degli aerials a squadre miste, finora assenti nelle Olimpiadi invernali. Nell’ultima edizione disputatasi, il Canada ha dominato i Giochi con 7 medaglie conquistate, di cui 4 d’oro. Attenzione poi alla combinata nordica (3 gare), anch’essa presente fin dal 1924 nel programma olimpico invernale. Si tratta di una gara formata da due prove: una di salto con gli sci e una di sci di fondo. Nel 2018 è stata la Germania la più vincente in questa disciplina, con ben 5 medaglie vinte su 9 disponibili: 3 erano d’oro. Anche il Biathlon fa parte della categoria dello sci nordico e sarà nel programma di Pechino 2022 con 11 gare. Nella scorsa edizione, l’Italia ha conquistato 2 bronzi: uno nella staffetta mista e uno nei 10 km sprint maschili con Dominik Windisch.

A proposito di sci di fondo, questo è presente nelle Olimpiadi 2022 con ben 12 gare diverse. Dallo Sprint di squadra in tecnica classica maschile e femminile, alla 50 chilometri in tecnica libera maschile, fino alla 30 chilometri in tecnica libera femminile. Sono tutte discipline nelle quali solitamente l’Italia non sfigura, come confermato dalle 35 medaglie, di cui 9 d’oro, portate a casa in tutte le Olimpiadi invernali sinora disputate. Una risale al 2018, con l’argento di Federico Pellegrino nello sprint maschile. Infine, c’è lo sci alpino, con le sue 11 gare. Parliamo della gara a squadre mista, dei Super-G, degli slalom giganti, delle discese libere, delle combinate e degli slalom speciali. Tutti rigorosamente sia al maschile che al femminile. A PyeongChang le medaglie azzurre conquistate sono state solamente due: l’oro di Sofia Goggia in discesa libera e il bronzo di Federica Brignone nello Slalom Gigante. Speriamo che il prossimo anno i numeri in tutte le discipline possano aumentare.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: