“Sanità, le aree interne sempre più impoverite e isolate”

“Sanità, le aree interne sempre più impoverite e isolate”

Presa di posizione del sindaco di Sassoferrato, Maurizio Greci, che chiede risposte adeguate dagli organismi regionali

di MAURIZIO GRECI*

SASSOFERRATO – Si rende noto alla cittadinanza che, oramai da molti mesi, questa Amministrazione ha sollecitato l’Asur e le Istituzioni regionali  a fornire chiarimenti e risposte in ordine alla situazione dei servizi dell’ospedale di Comunità di Sassoferrato.

Nella giornata di martedì 15 u.s., si è tenuto un incontro alla presenza dei vertici Asur, dei Sindaci di Fabriano ed Arcevia e delle Organizzazioni Sindacali per discutere, tra l’altro, del provvedimento assunto dall’Azienda Sanitaria in ordine alla chiusura del servizio mensa presso l’Ospedale di Sassoferrato, decisione che, nonostante la ferma e documentata contestazione di questa Amministrazione, è stata ribadita dall’Asur che, pertanto, a partire dal prossimo 01 luglio, provvederà a  dare corso alla delocalizzazione del servizio.

Siamo, a questo punto, in attesa di risposte da parte degli Organi Regionali, costantemente interpellati in questi mesi sulle tematiche dei servizi ospedalieri del nostro territorio, a cui abbiamo chiesto fermamente di intervenire per non aggravare la situazione di grave disagio che sta affliggendo le aree interne, sempre più impoverite dei propri servizi territoriali e isolate da gravi e perduranti problematiche di viabilità.

Nel medesimo incontro del 15/06 u.s., si è altresì affrontata la situazione di vacanza della figura del medico pediatra sul territorio comunale. Su tale tematiche, si è provveduto a prendere contatti ed interpellare tutte le Istituzioni e gli addetti ai lavori coinvolti e, tuttavia, l’Asur ha riferito che, attualmente, non vi sono medici disponibili a ricoprire il posto vacante che siano in possesso di tutti i requisiti curriculari e professionali richiesti per assumere tale incarico.

Al momento, pertanto, come da comunicazioni già pervenute alle famiglie, la scelta del pediatra, obbligatoria per i bambini sotto i 6 anni di età, dovrà essere effettuata nei confronti di pediatri che operano nel medesimo ambito territoriale di appartenenza. Tale scelta è da intendersi temporanea e  provvisoria, in attesa di ricoprire la titolarità del posto di Sassoferrato non appena saranno individuati medici in possesso dei titoli idonei e disponibili a ricoprire l’incarico di che trattasi.

*Sindaco di Sassoferrato

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: