Fratelli d’Italia: “A Chiaravalle la polemica sulle affissioni fa parte del vecchio modo di fare politica”

Fratelli d’Italia: “A Chiaravalle la polemica sulle affissioni fa parte del vecchio modo di fare politica”

CHIARAVALLE – “La polemica politica messa in piedi dai Sigg.ri Andrea D’Ascanio (Portavoce FI di Chiaravalle), dalla dott.ssa Daniela Montali (ex Sindaco di Chiaravalle), dal Partito Rifondazione Comunista di Chiaravalle ed altri – scrivono i consiglieri comunali di Fratelli d’Italia di Chiaravalle Fabiola Ceccarelli e Claudio Bolletta -, fa parte del vecchio modo di fare politica basata non sui fatti ma su una semplice e sterile polemica demagogica.

“Se parliamo di fatti preme sottolineare come il portavoce FI di Chiaravalle D’Ascanio confronti in maniera impropria l’atteggiamento del sindaco di Monte San Vito con l’attuale sindaco di Chiaravalle Damiano Costantini in ordine alla possibilità concessa al privato cittadino di poter affiggere un proprio manifesto, condizione dettata e condizionata dal Regolamento vigente nei rispetti comuni.

“Per onestà intellettuale e correttezza politica non neghiamo che si renda opportuno rivisitare l’attuale regolamento, seppur di recente approvazione, e questo in un’ottica di maggiore apertura verso il cittadino. Ci preme comunque precisare verso i lettori chiaravallesi, che il richiamo alla palese violazione dell’art.21 della Costituzione, è totalmente infondato, in quanto l’art.40 dello stesso regolamento recita: ”….la giunta comunale si riserva la FACOLTA’ di non concedere le affissioni dirette….”

“Osserviamo peraltro – aggiungono i due consiglieri comunali di Fratelli d’Italia di Chiaravalle – che l’attuale regolamento non vieta ad alcuna associazione di qualsiasi natura giuridica di poter affiggere manifesti, e quindi l’ex sindaco Montali, che riveste anche la qualifica di presidente di un’associazione, avrebbe potuto sfruttare tale ruolo per ottenere il suo scopo.

“Appare pertanto evidente la natura strumentale di tale polemica verso l’attuale giunta e il consiglio comunale tutto. A maggior ragione ci fa sorridere e nel contempo sconcerta, la collaborazione del Portavoce di Chiaravalle di F.I. Andrea D’Ascanio, ora alleato con la sinistra per la questione Chiostro.

“I consiglieri comunali FdI – concludono Fabiola Ceccarelli e Claudio Bolletta – non sono al servizio di nessuno se non della cittadinanza chiaravallese, né tantomeno sono “servitori” e “ruffiani” di nessuno. L’accusa spesso viene da chi è abituato a scendere a questi compromessi”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: