“Riaprire la ristorazione sempre con seri e precisi protocolli di sicurezza”

“Riaprire la ristorazione sempre con seri e precisi protocolli di sicurezza”

La zona arancione a macchia di leopardo rappresenta di nuovo un forte freno per agriturismi e ristoranti dei comuni della provincia di Ancona. Presa di posizione di Coldiretti

ANCONA – La zona arancione a macchia di leopardo rappresenta purtroppo di nuovo un forte freno per agriturismi e ristoranti dei comuni della Provincia di Ancona dopo un anno di estrema difficoltà e restrizioni più o meno marcate.

E non va meglio nel resto della regione dove la zona gialla e il solo accogliere clienti per pranzo non basta a tenere in piedi un settore che offre canali di vendita fondamentali per le imprese agricole. Complessivamente nel 2020 la ristorazione ha quasi dimezzato il fatturato (-48%) per una perdita complessiva di circa 41 miliardi di euro, secondo le stime Coldiretti su dati Ismea.

“Vanno subito messi in campo protocolli precisi e sicuri– tuona Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche – e permettere l’apertura anche serale della ristorazione con controlli costanti e normative che garantiscano il distanziamento sociale e il lavoro in totale sicurezza. Se abbiamo persone sedute ordinatamente a tavola distanziate e ingressi contingentati non ci sono problemi. Negli agriturismi poi questi requisiti sono già presenti. Alle forze dell’ordine il compito del rigore nei controlli e nella repressione di chi se ne approfitta”. Ampi spazi, pochi posti tavola: la campagna si conferma luogo ideale per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche come anche certificato dall’Inail che ha registrato appena lo 0,4% delle denunce da infortunio alla data del 31 gennaio scorso.

“Nelle Marche – prosegue la presidente Gardoni – abbiamo un migliaio di agriturismi, spesso situati in zone isolate, in strutture a conduzione familiare dove è possibile evitare il pericolo di affollamenti che, invece, si riscontra nelle città. Le continue chiusure, anche con ordinanze last minute che mandano a monte la programmazione del lavoro, e le limitazioni agli spostamenti tra Comuni hanno fortemente danneggiato le aziende agricole che proprio sulla ristorazione e sull’accoglienza poggiano parte del loro reddito”.

L’agriturismo e le altre attività collaterali, come i servizi socio educativi, ad esempio, rappresentano quasi per un terzo del valore aziendale per le realtà marchigiane, quota aumentata di 10 punti percentuali negli ultimi 10 anni.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: