Marche longeve e pandemia, vertice in Regione con i dirigenti dell’Inrca

Marche longeve e pandemia, vertice in Regione con i dirigenti dell’Inrca

Poste le basi per una costante e proficua collaborazione nell’obiettivo di rivolgere la massima attenzione agli anziani e alle loro famiglie

ANCONA – “Le Marche sono una delle regioni più longeve d’Italia. Agli anziani, fascia importante e fragile della nostra società, dobbiamo destinare particolare attenzione”.

Le parole della Presidente della Commissione Sanità, Elena Leonardi, hanno fatto da introduzione all’audizione che la stessa Commissione ha svolto con il direttore generale dell’Inrca, Gianni Genga, e il direttore scientifico, Fabrizia Lattanzio.

“L’Inrca rappresenta un’eccellenza a carattere nazionale con progetti, brevetti ed investimenti di assoluto livello – ha affermato Leonardi – L’integrazione fra parte ospedaliera e territorio emerge come necessità ed obiettivo per migliorare l’assistenza ai nostri anziani e alle loro famiglie”.

Dalla discussione in Commissione è emersa anche la centralità dell’Istituto nel contesto pandemico e in quello delle vaccinazioni Covid, sia nel ruolo di hub di stoccaggio che in quello della somministrazione del vaccino.

“Occorre ripensare la Sanità da un punto di vista organizzativo e strutturale, stilando un piano di ripartenza dopo la fase emergenziale, con una particolare attenzione alla ricerca scientifica e agli investimenti di ammodernamento – ha affermato la vice presidente Simona Lupini – Un Istituto come l’Inrca è un’eccellenza che va valorizzata, anche in forza dei bisogni di una popolazione anziana sempre più numerosa e fortemente provata dalla pandemia”. (l.b.)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: