“Quale futuro per l’Ospedale di Chiaravalle?”

“Quale futuro per l’Ospedale di Chiaravalle?”

A due mesi dalle elezioni regionali e al termine della lunga fase di emergenza per il Covid-19 il gruppo consiliare Chiaravalle Domani ha riportato l’argomento al centro del dibattito

CHIARAVALLE – Il gruppo consiliare Chiaravalle Domani ha riportato al centro del dibattito del Consiglio comunale il tema del futuro dell’ospedale di Chiaravalle, a due mesi dalle elezioni regionali e, soprattutto, al termine della lunga fase di emergenza per il Covid 19. Lo ha fatto con un ordine del giorno, votato favorevolmente da tutte le forze politiche presenti in Consiglio, che pone al centro dell’attenzione la delicata fase di rientro dei servizi “normali” che nei mesi scorsi sono stati trasferiti per convertire la struttura chiaravallese in un centro di cura per la fase post acuta del Covid19. Questa fase sta procedendo abbastanza regolarmente, ma è necessario ricordare che negli scorsi anni, nonostante l’esplicito impegno espresso in varie occasioni dal Presidente della Regione Marche Ceriscioli e da alcuni suoi assessori, il processo di trasformazione in Casa della Salute è stato molto sofferto e ha creato molte preoccupazioni anche tra i cittadini di Chiaravalle e dei comuni limitrofi.

Non è sufficiente riportare quanto c’era prima, occorre potenziare la medicina territoriale per riuscire a dare risposte rapide e facilmente accessibili ai cittadini sia in condizioni di normalità che di emergenza. Per questa ragione è estremamente importante sostituire il personale che lascia il servizio per il raggiungimento della pensione, un’operazione che appare di normale amministrazione ma che nel caso dell’ospedale di Chiaravalle ha continuamente rappresentato un problema, come i recenti pensionamenti che hanno causato un sostanziale svuotamento del Consultorio che in sostanza costringe alla migrazione verso altre strutture o alla ospedalizzazione per problemi che potrebbero avere soluzioni decisamente più indolori se adeguatamente seguiti. Le stesse dinamiche si ripresentano, inoltre, ad ogni estate con il piano ferie che svuota sistematicamente le strutture e provoca la sospensione di servizi fondamentali. Occorre maggiore attenzione e maggiore rispetto per i cittadini.

Il gruppo di maggioranza Chiaravalle Domani guarda anche alle prossime elezioni regionali, invitando tutti i candidati alla Presidenza della Regione Marche a ricordare gli insegnamenti ricevuti negli scorsi mesi, ovvero che la Sanità pubblica funziona bene dove a fianco di grandi strutture sono presenti e funzionanti anche piccole strutture territoriali pubbliche cui i cittadini possono rivolgersi senza dover attendere tempi lunghissimi. L’ospedale di Chiaravalle ha addirittura due piani ancora grezzi, basterebbe completare i lavori per avere a disposizione un immobile nuovo pronto ad offrire servizi innovativi e necessari.

L’ordine del giorno è stato spedito ai Consigli comunali dei Comuni limitrofi, oltre al Presidente della Regione Marche e all’ASUR Marche.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: