Finalmente si torna al mare, bibita ed ombrellone si prenotano con Telegram grazie alla startup dell’Univpm

Finalmente si torna al mare, bibita ed ombrellone si prenotano con Telegram grazie alla startup dell’Univpm

ANCONA – Finalmente si torna al mare, certamente con un po’ di apprensione e con la speranza che il bel tempo non si faccia attendere. Ma quest’estate avremo sotto l’ombrellone tante novità, a partire dal modo di prenotare il nostro spazio in spiaggia sino agli ordini del bar.

Merito di questa innovazione è il lavoro di un gruppo di giovani ingegneri, età media 28 anni, riuniti in una start-up innovativa dell’UnivPM dalla fine 2017. Revolt è il nome della start up, che si è già messa in luce per abilità e competenze, raggiungendo la ribalta nazionale in più occasioni, vincendo per esempio ecapital2017 ed openitaly2020. In azienda sono in  11, tra cui una ragazza laureata magistrale in ingegneria biomedica, ed un neolaureato magistrale, due nuovi nel 2019 e due nuovi nel 2020, ed è una realtà in continua crescita ed espansione. Tutti laureati triennali, magistrali, dottorandi di ricerca, ricercatori universitari, lauree ottenute da 3 anni a qualche mese fa in diversi indirizzi di ingegneria, informatica, biomedica, automazione.  Molte le competenze altamente multidisciplinari: informatica, automazione, artificial Intelligence, Machine Learning, data analysis, data visualization, chatbot.

Diverse le collaborazioni con prestigiose aziende sia del territorio che nazionali ed internazionali vedi la Nanyang Technological University (NTU) o la clinica di neuroriabilitazione dell’Università Politecnica delle Marche.

La loro attività non si è fermata neanche in periodo di lockdown, grazie allo smartworking, presentando un progetto con la clinica di neuroriabilitazione per realizzare una piattaforma di riabilitazione gratuita per pazienti affetti da covid, ed inoltre hanno studiato e lanciato il nuovo progetto per l’estate, già in uso in diversi stabilimenti balneari, il Beachbot. Di che si tratta? La spiaggia in un click, Beachbot è un assistente virtuale personale, ideato per aiutare a gestire lo stabilimento balneare e renderlo unico.Un software intelligente, personalizzato per soddisfare le necessità specifiche degli stabilimenti. Per i clienti sarà facilissimo riconoscerlo, in quanto rispecchia lo spirito dello stabilimento: ha il suo nome, il suo logo ed i suoi colori. Per comunicare basterà un semplice click e potrà  mostrare quali ombrelloni sono ancora liberi o già occupati, gestire tutte le ordinazioni dei clienti, ricordare al proprietario chi ha già pagato e chi deve ancora farlo. Inoltre i clienti potranno ordinare direttamente dal loro lettino in spiaggia semplicemente guardando la foto del menù del giorno. Tramite un’interfaccia di messaggistica, BeachBot riesce a simulare una naturale conversazione con un essere umano, in maniera semplice ed efficace . Infatti, BeachBot è in grado di ricevere in contemporanea infinite richieste, le processa ed invia direttamente le  ordinazioni e prenotazioni, evitando calche, code al bancone e un continuo squillare del tuo telefono,

Il software lavora sul canale di Telegram, usatissimo dai ragazzi e di facile gestione anche da parte dell’utente. Insomma a questo punto non resta che godersi il sole.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: