“A Urbino dovrà essere realizzato un biodigestore di ultima generazione”

“A Urbino dovrà essere realizzato un biodigestore di ultima generazione”

Rappresentanti di Cgil e Cisl, confederali e di categoria, si sono incontrati con il sindaco Gambini e l’amministratore delegato di Marche Multiservizi Tiviroli

URBINO – Dalle segreterie della Cgil di Pesaro Urbino, della FP Cgil, della Cisl di Pesaro-Fano-Urbino e della Fit Cisl riceviamo: “Cgil e Cisl, confederali e di categoria, si sono incontrati con il sindaco di Urbino Gambini e l’amministratore delegato di Marche Multiservizi Tiviroli.

“Si è condiviso la necessità di realizzare il biodigestore per il trattamento della frazione organica dei rifiuti prodotti nel territorio. Il rischio di perdere gli importanti incentivi economici previsti fino al 31/12/2021 impone di rompere gli indugi e definire la localizzazione più idonea dal punto di vista dell’impatto territoriale e paesaggistico.

Come organizzazioni sindacali abbiamo ribadito che:

  • L’impianto deve essere di ultima generazione, in grado di avere un impatto ambientale minimo. Appena il progetto sarà ultimato sarà necessario presentarlo alla comunità affinché possa conoscerlo e anche mettere nelle condizione i residenti di visitare e valutare impianti simili già operativi.
  • Aset Spa deve essere parte di questa operazione. Questa collaborazione è finalizzata a forme di integrazione urgenti e necessarie per contenere i costi, ridurre le tariffe per cittadini e imprese, migliorare e qualificare i servizi erogati
  • Valutiamo importante la costituzione del gruppo di lavoro costituito da un gruppo di sindaci rappresentativi del territorio, presidenti e direttori di Aset e Marchemultiservizi su biodigestore e aggregazione tra le due aziende. Diventi subito operativo e abbiamo chiesto, come parti sociali, un confronto nelle varie fasi di approfondimento.

“Il nostro territorio – si legge nel comunicato dei sindacati – è conosciuto per la sua bellezza, i suoi borghi, la sua rete di piste ciclabili. Questo impianto lo dovrà rendere ancora più attraente per visitatori curiosi di conoscere anche esempi concreti di economia circolare. Non solo opportunità di nuova occupazione ma anche tutela ambientale aggiuntiva.

Una futura azienda unica dei servizi per  investimenti a beneficio del territorio per la riduzione dei costi sostenuti da cittadini e imprese per lo smaltimento dei rifiuti , per opportunità di crescita professionale di chi vi lavora e  chi troverà occupazione nell’indotto generato”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: