Il libro come veicolo millenario di cultura: terminato il progetto Textus Invisibilis / VIDEO

Il libro come veicolo millenario di cultura: terminato il progetto Textus Invisibilis / VIDEO

CAGLI – L’Unione Montana del Catria e Nerone, per il tramite del suo Sistema Bibliotecario, insieme all’Università di Urbino “Carlo Bo”, al Comune di Cantiano ed al Monastero della santa Croce di Fonte Avellana hanno presentato un progetto, ammesso al finanziamento dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, dal titolo Textus Invisibilis: pars prima, programma di catalogazione di volumi antichi e di ricerca per il ripristino della leggibilità e della ricomposizione di manoscritti medievali, smembrati e dispersi in età moderna, ai fini della loro libera fruizione online.

Il progetto ha riguardato, lo studio di volumi antichi e le unità pergamenacee medievali e umanistiche riutilizzate in età moderna per rinforzare e proteggere i volumi ed altri tipi di unità documentali, siti nelle Biblioteche del Sistema Bibliotecario dell’Unione Montana, negli Archivi storici, nella Biblioteca Ludovisiana del Comune di Cantiano, nella Biblioteca dell’Eremo di Fonte Avellana e nel Fondo pergamene dell’Archivio di Stato di Pesaro, sede di Urbino.

Oltre a catalogare i volumi antichi, lo scopo è stato quello di rendere nuovamente visibili gli scritti erasi delle pergamene; ricomporre virtualmente, con tecniche digitali all’avanguardia, alcuni codici pergamenacei rappresentativi; archiviare e divulgare tutto il materiale acquisito mediante database multimediale open source, e, in particolare, quello di cercare di evidenziare il radicamento culturale del Montefeltro nel contesto europeo ponendo sempre più al centro dell’attenzione la consapevolezza dell’importanza del libro come veicolo millenario di cultura.

Quanto realizzato è dunque solo una prima parte del progetto generale Textus Invisibilis, che, sotto la direzione scientifica della professoressa Alessandra Molinari, ideatrice del progetto, del Dipartimento di Scienze della Comunicazione, Studi Umanistici e internazionali (DISCUI), mira, in accordo con l’Unione Montana, ad accedere a finanziamenti europei con partner internazionali al fine di riscoprire lo straordinario patrimonio delle Biblioteche e degli Archivi del nostro territorio.

Il Presidente dell’Unione Montana, Alberto Alessandri, nell’esprimere piena soddisfazione per quanto realizzato anticipa la prossima uscita di un video a carattere documentaristico sulle attività, i materiali e gli affascinanti luoghi della cultura coinvolti nel progetto, che verrà diffuso sui canali social e televisioni allo scopo di poter arrivare a tutte le tipologie di utenza, dunque non solo agli addetti ai lavori, al fine di poter attrarre quante più persone nei nostri territori ricchi di cultura e di tradizioni.

QUI SOTTO due video:

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: