Alla Biblioteca comunale di San Costanzo si presenta “Quello che so di lei” libro di Anna Pia Giansanti

Alla Biblioteca comunale di San Costanzo si presenta “Quello che so di lei” libro di Anna Pia Giansanti

SAN COSTANZO – Con il nuovo anno ripartono anche gli appuntamenti in programma alla Biblioteca Comunale “Don Antonio Betti” di San Costanzo, presso Palazzo Cassi. Sabato 18 gennaio, alle ore 17.30, si presenta l’ultimo libro della storica dell’arte Anna Pia Giansanti, “Quello che so di lei”, pubblicato nel 2019 da Ventura Edizioni, casa editrice di Senigallia. Il libro racconta la storia d’Italia, dalla Grande Guerra agli anni Sessanta, attraverso l’umana vicenda e gli scritti di un’antenata dell’autrice, che fu crocerossina, poetessa, scrittrice e giornalista, e che riuscì a imporsi in una società tutta al maschile.

A moderare l’incontro, organizzato da CoMeta Biblioteche in collaborazione con il Comune di San Costanzo – Assessorato alla Cultura, ci sarà l’editrice Catia Ventura. Al termine, verrà offerta una degustazione di vini della Cantina Bruscia.

Il libro è dedicato ad Anna Caggiano, una donna dalla spiccata personalità ma soprattutto una donna di scuola che ebbe una brillante carriera: da modesta ma combattiva maestra, divenne ispettrice scolastica e, grazie al suo profondo amore per l’infanzia, rivestì il ruolo di presidentessa dell’ONMI. Fu pure una donna del Fascio e, anche per questo, morì dimenticata.

Di Anna si scrisse: “È una donna che ha sentito attraversare il cuore da tutte le fiamme sublimi: quelle del dovere, del lavoro e dell’amore, della carità e del sacrificio ed ha vissuto e vive quelle del dolore, profondamente”. L’autrice di questo volume ricostruisce il ritratto dell’omonima antenata che anticipò i tempi con l’attualità del suo pensiero e seppe sovvertire quella che, all’epoca, era considerata la figura femminile ideale.

Alle parole, spesso critiche, dell’Anna di oggi si alternano quelle dell’Anna di ieri, e la lettura di entrambe spinge a riflessioni sui diversi temi trattati ma soprattutto risveglia immagini del passato, vividamente narrate. L’opera vuole ricordare Anna Caggiano, ma vuol essere un omaggio ai fanciulli indigenti, “figure invisibili” che lei ha tanto amato, ed alle maestre ed ai maestri che furono i veri pionieri del progresso morale e civile d’Italia.

Anna Pia Giansanti è storica dell’arte. Vive a Senigallia e svolge attività di docente e conferenziera in tutta Italia, presso università, istituti e associazioni culturali. Ha pubblicato numerosi saggi e articoli in materia di arte e archeologia e i libri: “La Maddalena di Senigallia, cronaca di un viaggio da leggenda a realtà” (Mediateca delle Marche, 2011); “Angelica Catalani, la cantatrice dei re” (Le Affinità elettive, 2014); “Facciamo la Santa Monica? Storia e Storie di un rito predittivo tra devozione, arte e magia” e “Sirene un incantevole inganno” (Ventura Edizioni, 2016 e 2017).

Info: Biblioteca Comunale di San Costanzo Don Antonio Betti presso Palazzo Cassi, piazza della Vittoria 9, San Costanzo (PU) cel. 348 523 4732, tel. 0721 951227 biblioteche.cometa@gmail.com www.sistemabibliotecariocometa.it

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: