Sabato a Senigallia si ricorderà a trent’anni di distanza la caduta del muro di Berlino

Sabato a Senigallia si ricorderà a trent’anni di distanza la caduta del muro di Berlino

SENIGALLIA – Sabato 9 novembre alle ore 17 all’Auditorium San Rocco di Senigallia la Scuola di Pace “V. Buccelletti” del Comune di Senigallia ricorderà a trent’anni di distanza la caduta del muro di Berlino.

Ad aprire l’incontro sarà un intervento musicale del violoncellista Alessandro De Felice che eseguirà la “Suite per violoncello solo n. 3 in do maggiore, BWV 1009 di J.S. Bach”, in memoria del concerto di M.L. Rostropovich che l’11 novembre 1989 suonò davanti al muro di Berlino mentre veniva smantellato.

Il prof. Daniele Onori, docente di Lettere e già addetto culturale dell’Ambasciata d’Italia in Bosnia Erzegovina, procederà con un inquadramento storico del periodo della guerra fredda, prendendo in esame i riflessi culturali di quell’evento per la generazione che lo ha vissuto. Tratterà inoltre del rapporto tra pacifismo, guerra fredda e periodo successivo alla caduta del muro, con riferimento anche alla tragedia delle guerre balcaniche.

Concluderà l’incontro il collegamento video con Demetrio Volcic, giornalista e già storico corrispondente RAI dai paesi d’oltrecortina durante e dopo la guerra fredda.

Con musica, immagini e parole saremo dunque guidati da più generazioni di testimoni attraverso una rievocazione e una riflessione: un muro è caduto, quanti ne sono stati alzati?

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it