Due minori escono dall’inchiesta sulla strage alla Lanterna Azzurra di Corinaldo

Due minori escono dall’inchiesta sulla strage alla Lanterna Azzurra di Corinaldo

Si tratta del diciassettenne coinvolto per primo nelle indagini e di un altro ragazzo

ANCONA – Dalla Procura minorile delle Marche è stata chiesta l’archiviazione per due minori indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla strage, avvenuta la notte tra il 7 e l’8 dicembre, alla discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo. Una tragedia nella quale persero la vita 5 adolescenti ed una giovane mamma di 39 anni.

Si tratta del diciassettenne – di origine dominicana, residente a Senigallia – accusato inizialmente di omicidio preterintenzionale e lesioni in quanto sospettato di avere usato lo spray al peperoncino. Del secondo minore, invece, nulla si era saputo fino ad oggi.

Va detto che i due ragazzi non facevano parte della “banda dello spray” ritenuta responsabile della strage, formata da sei giovani, tutti residenti nel Modenese, di età compresa tra i  19 ed i  22 anni, arrestati nei mesi scorsi. Secondo le accuse questi ragazzi avrebbero agito usando spray urticante per rubare collane e monili, approfittando del caos.

Nel filone principale dell’inchiesta per la strage ci sono anche altri 17 indagati le cui responsabilità sarebbero legate soprattutto alla sicurezza ed ai controlli nella discoteca di Madonna del Piano.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: