Il combattente senigalliese Karim Franceschi difende i curdi: “L’Europa è una cosa vergognosa”

Il combattente senigalliese Karim Franceschi difende i curdi: “L’Europa è una cosa vergognosa”

ROMA – Il combattente senigalliese Karim Franceschi, impegnato in molte missioni militari a fianco dei curdi, non ha peli sulla lingua nel definire vergognosa la politica europea attuata nei confronti del popolo curdo. Lo ha fatto intervistato nel corso della trasmissione televisiva Tagadà, su La7.

Karim Franceschi, nato a Casablanca, da padre italiano e madre marocchina, è cresciuto a Senigallia, dove è attivista dello Spazio Autogestito Arvultura.

Nel 2014 Karim Franceschi è stato a Kobane, in Siria, per il progetto umanitario Rojava Calling, tornandovi poi nel 2015, quando si è unito alla milizia dell’Unità di Protezione Popolare (YPG) nella lotta armata contro l’autoproclamato Stato Islamico. Sull’esperienza nell’YPG ha scritto il libro Il combattente. Storia dell’italiano che ha difeso Kobane dall’ISIS (Rizzoli BUR, 2015).

QUI SOTTO il video dell’intervista:

https://www.la7.it/tagada/video/il-combattente-karim-franceschi-leuropa-e-una-cosa-vergognosa-14-10-2019-287411

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it