Dal patto tra pescatori, ristoratori e consumatori nasce la Carta d’identità del pesce e l’App 5 pesci

Dal patto tra pescatori, ristoratori e consumatori nasce la Carta d’identità del pesce e l’App 5 pesci

Il progetto sarà presentato giovedì 10 ottobre all’Istituto Panzini  di Senigallia

SENIGALLIA – Dare la certezza al tavolo di un ristorante di trovarsi di fronte ad un pescato locale e di qualità. Dal patto tra pescatori, ristoratori e consumatori nasce la Carta d’identità del Pesce e l’App 5 Pesci, due modi per dare una tracciabilità al cibo che viene messo in tavola. Un’iniziativa promossa da Uecoop – Unione Europea delle Cooperative – in collaborazione con la Federazione Italiana Cuochi per incentivare la conoscenza ed il consumo di specie ittiche derivanti da una pesca sostenibile e locale delle cooperative aderenti a Uecoop.

La presentazione del progetto si terrà giovedì 10 ottobre, alle ore 11, all’Istituto Panzini  di Senigallia (via Capanna 62/a) insieme agli studenti delle classi Enogastronomico e Dolciario .

Tema centrale l’importanza dell’indicazione di origine dei prodotti ittici anche nei menù dei ristoranti e più in generale, la valorizzazione del vero prodotto agroalimentare italiano, insieme alla classificazione del pescato, la composizione chimica ed i valori nutrizionali, la valutazione della qualità e dello stato di freschezza, le modalità di conservazione, la tracciabilità e l’etichettatura, nonché la trasmissione dei saperi del mestiere di pescatore.

Per adempiere a questi obiettivi e per rendere tali messaggi ancora più efficaci, sono state ideate vere e proprie “Carte d’Identità del Pesce” da fornire ai consumatori finali anche nei ristoranti, al fine di invogliare ed incentivare i ristoratori alla più completa trasparenza e chiarezza circa i prodotti ittici da loro utilizzati. Proprio i ristoratori – affinché possano aderire all’iniziativa e adottare tale metodo di “tracciabilità trasparente” dei prodotti ittici da loro utilizzati e proposti – sono stati invitati a pranzo per degustare il pesce fresco della cooperativa di Cesenatico, preparato dagli studenti e dagli chef dell’Istituto Alberghiero.

Nella stessa mattinata sarà presentata anche l’App “5 Pesci”, realizzata grazie alla collaborazione con la Federazione Italiana Cuochi FIC, che permette agli utenti di individuare sul territorio nazionale le Cooperative della pesca associate a UECOOP e le attività da loro svolte. Il nome deriva dai pesciolini che vengono assegnati alle diverse attività svolte dalle cooperative: ristorazione, pescaturismo, ittiturismo, vendita diretta e vendita diretta itinerante. Nell’App è possibile trovare anche ricette a base di pesce fornite dalla Federazione Italiana Cuochi F.I.C., le schede dei diversi pesci tipici del nostro mare e altro materiale utile in materia di tracciabilità.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it