Domenica al Teatro Goldoni di Corinaldo premiazione della International Award For Culture

Domenica al Teatro Goldoni di Corinaldo premiazione della International Award For Culture

CORINALDO – Domenica 8 settembre, dalle ore 11, presso il Teatro Goldoni di Corinaldo, è prevista la premiazione della International Award For Culture, Salvatore Perdicaro Editore – XI Biennale “Città di Corinaldo  / Senigallia, 2019” Sospiro del Mondo, omaggio a : Artemisia Gentileschi. Manifestazione promossa dal “Capricorno” Associazione Culturale di Corinaldo.

Qui l’arte è una cosa d’elite, particolarmente centrata nella sua realizzazione la Biennale XI dove,  supportata dall’istituzione, artisti, ospiti d’onore e i loro capolavori dialogano con lo spirito del luogo e con la splendida  architettura del teatro Goldoni. A Senigallia con il mare che si affaccia spettacolare sulle sale espositive dell’hotel Europa, anticipando vedute della spiaggia di Velluto.

Con  i confini naturali e le bellezze di natura che hanno affascinato generazioni di turisti e abitanti di Senigallia e Corinaldo, nello stupore dei luoghi e giardini splendenti e le sabbie chiare dei litorali marini.

Non l’arte contemporanea destinata ad un’elite di esperti, rinchiusa nell’approccio “difficile” per il grande pubblico, anzi l’invito è rivolto all’esplorazione attraverso la visita della mostra in corso, curata da Anna Grossi, critica di Arte e Letteratura e il riferimento dell’arte con la “A” maiuscola, trova in questa scenografia ideale, per una ribalta di carattere Internazionale, il significante percorso ideale, ricco e importante, in nome di un’idea aristocratica dell’arte.

Come nel titolo, per interrogarsi e chiedere dove sta di casa la pittura…per tornare alla pittura. Una passione che è fra le più alte espressioni dello spirito umano, come eccellenze individuali, (disinteressandosi alle mutevoli oscillazioni del gusto,) ma di artisti che dipingono, scavano, sognano, compongono, liberano, uniscono, attraversando tempi, luoghi, pronostici.
Con la volontà di sottolineare l’amore per l’arte, accostando motivi e stili nel comune sentimento che affratella nelle coscienze, identità diverse.
Elencare i loro nomi può sembrare altisonante, ma il titolo stesso della rassegna è valore per respirare da vicino l’aria buona dell’incontro, in mezzo a capolavori senza gerarchie di ordini e valori, nella complessità delle emozioni vibranti.
Artisti di grande caratura e di impatto sullo spettatore innamorato della bella pittura, della fotografia  e della modulazione scultorea, una spettacolarità di opere che unisce il pubblico, con lo stupore, e la capacità di identificazione emozionale come oggi raramente accade.
Sono  artisti  che incentrano una comune dichiarazione di poetica “entrando” nelle case dell’anima, magica scintilla di affinità spirituali. Un’arte che aspira a una bellezza ideale, perenne, non limitata all’immediatezza del presente, ma liberata attraverso la luce della sensazione immediata.

Maria Rita Meloni, Daniela Renzi, Maurizio Santori, Marino Macina, Boris Dimitrov, Daniel Jaslet, Ivana Magagnino, Violetta Grossi,Elvio Angeletti, Georges Santi, Antonio Faetanini, Danila Cassan, Vanni Gresta, Leopold van Itallie, Stefania Mari

Lorena Cattelain, Rossella Arcangeli, Alexey Yarygin, Nataliia Tcekhomskaia, Felix Volossenkov, Maria Antonietta Magro, Carla Brunitto.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it