Giorgio Sartini: “Il Comune di Senigallia spende troppo, è ora di cambiare”

Giorgio Sartini: “Il Comune di Senigallia spende troppo, è ora di cambiare”

di GIORGIO SARTINI*

SENIGALLIA – Durante il Consiglio comunale del 30 luglio 2019 con la proposta n°2019/1696 avente ad oggetto: “ORGANO DI REVISIONE ECONOMICO-FINANZIARIO. NOMINA PER IL TRIENNIO 2019-2022.” l’amministrazione ha messo nero su bianco che in economia non è un comune virtuoso.
Quante volte, anche durante la discussione nell’ultimo consiglio comunale per approvare la “Salvaguardia degli equilibri di bilancio di previsione finanziario armonizzato 2019/2021, variazione di assestamento generale di bilancio di previsione finanziario armonizzato 2019/2021 e ecc..” (D.C.C. CC/2019/48 del 30/07/2019), i nostri amministratori hanno esaltato le loro capacità di buona gestione del bilancio comunale attraverso i risultati ottenuti nonostante “la crisi”.

È Vero? NO non è vero!

Vi spiego il perché, come ho già chiarito in consiglio comunale (questo il link per ascoltare l’intervento).

Comune virtuoso in economia è un comune orientato al risanamento, all’andamento virtuoso dei conti pubblici.

Ebbene nella delibera 1696 è scritto: “DATO ATTO che, per il Comune di Senigallia:

  • la spesa corrente annuale pro-capite desumibile dall’ultimo bilancio preventivo approvato è pari ad euro 1.173,56 (calcolata quale totale degli stanziamenti di spesa corrente anno 2019 risultanti dalle previsioni iniziali del bilancio di previsione 2019/2021 diviso per il numero di abitanti al 31.12.2018), dunque superiore rispetto alla media nazionale di euro 750,00;

Abbiamo quindi che a Senigallia la spesa corrente annuale per cittadino (0 – 110 anni) è maggiore di 423,56 €, BEN il 63,9% in più rispetto alla spesa media dei comuni italiani (non dei comuni virtuosi: quella è tutta un’altra storia) equivalente a dire che annualmente a Senigallia si spende per una famiglia di 3 persone 423,56 € X 3 = 1.270,68 € che in un mandato elettorale significa che una famiglia di 3 persone potrebbe risparmiare 6.353,40 € (a persona 2117, 8 €) se solo la spesa comunale si allineasse alla media della spesa dei comuni italiani.

Si potrebbe pensare o potrebbero tentare di farci credere, come hanno fatto finora, che spendiamo di più perché riceviamo più servizi e di “grande qualità”, rispetto agli altri comuni, ma questo non accade: spendiamo di più e basta.

Non parliamo di divenire da oggi a domani (cioè subito dopo il giorno delle votazioni amministrative del 2020) un comune virtuoso: noi di Senigallia Bene Comune attiveremo tutte le procedure necessarie per far diventare il comune di Senigallia un comune nella media, poi con un secondo mandato un comune virtuoso. Le idee perseguibili e le risorse ci sono e la nostra determinazione a renderlo possibile pure.

*Consigliere comunale Senigallia Bene Comune

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it