“Le statue di Silvio Ceccarelli rappresentano un pezzo di cultura e di storia di Senigallia”

“Le statue di Silvio Ceccarelli rappresentano un pezzo di cultura e di storia di Senigallia”

Per questo andrebbero preservate e mantenute nella loro attuale ubicazione, la facciata principale dello Stadio Bianchelli

di CHIARA MORICO

SENIGALLIA – In questo ultimo periodo è oggetto di discussione il progetto approvato dalla Giunta comunale riguardante la riqualificazione dello Stadio “Goffredo Bianchelli” di Senigallia.

In attesa che il progetto venga presentato ufficialmente alla cittadinanza, è ormai voce diffusa la notizia dell’ipotetico trasferimento del complesso scultoreo situato sulla facciata principale dello Stadio Bianchelli.

Tali statue furono realizzate dallo scultore prof. Silvio Ceccarelli nel 1933 per la facciata principale dello Stadio e sono legate alla storia della città e agli sport praticati. Rappresentano due atleti seminudi, in pantaloncini corti e scarpe sportive, con lo sguardo rivolto verso il centro della città.  La facciata orientata verso la città rappresenta il benvenuto nella sua forma austera, coinvolgente e sportivamente celebrativa della competizione che dovrebbe  prendere avvio, ma rappresenta anche il rifacimento ideale dell’ingresso all’ippodromo da metà 800 e all’aviosuperficie di inizio 900.

Tutta la struttura è stata la protagonista di un progetto di rigenerazione urbana titolata “Segnare il campo” iniziato a giugno 2017: progetto che è stato eseguito in due fasi, dapprima è avvenuto il ripristino e restauro conservativo della parete monumentale dello stadio Bianchelli e successivamente è stata avviata  la fase di restauro delle sculture. Tale lavoro aveva  coinvolto alcune classi dell’istituto “Corinaldesi” e del Liceo “Medi” nell’ambito del programma di alternanza scuola-lavoro, contribuendo a promuovere la conoscenza degli alunni dell’importanza storica e culturale del complesso scultoreo e, in generale, dello stadio per la città di Senigallia.

Questo ipotetico spostamento del complesso scultoreo andrebbe ad alterare, in un certo senso, anche il rapporto creato con gli studenti che avevano  collaborato alla realizzazione della loro riqualificazione assieme al restauro del muro di interesse storico annesso. Le statue del Ceccarelli rappresentano un pezzo di cultura e di storia per la città di Senigallia e per lo stadio Bianchelli, per questo andrebbero preservate e mantenute nella loro attuale ubicazione.

La memoria storica è un bene prezioso da preservare e tramandare alle nuove generazioni e la contestualizzazione è fondamentale testimonianza di un passato che non deve essere dimenticato.

Siamo certi che la sensibilità degli amministratori non lasci inascoltata questa richiesta di testimonianza storico- culturale.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it