Il Pd incalza la Giunta Costantini su alcuni punti fondamentali che segneranno il futuro di Chiaravalle

Il Pd incalza la Giunta Costantini su alcuni punti fondamentali che segneranno il futuro di Chiaravalle

di FABRIZIO ILACQUA

CHIARAVALLE- Il Partito democratico incalza la Giunta Costantini su alcuni temi cruciali che riguardano Chiaravalle. “Presenteremo per il prossimo consiglio comunale di mercoledì 17 -ribadisce Jacopo Falà capogruppo PD in Consiglio- alcune interrogazioni.” In primis vogliamo avere certezze, visto che Chiaravalle è ubicata in una zona sulla quale insistono diverse problematiche ambientali, su come la nostra amministrazione si stia muovendo per garantire la sicurezza e la tutela dei cittadini in merito alla qualità dell’aria”. Collegata a questa interrogazione, quella sull’ubicazione del biodigestore.

“La delicata questione dell’eventuale costruzione di un biodigestore da realizzarsi nella zona della Coppetella – attacca Falà – è stata discussa numerose volte in sede Ata, almeno nelle riunioni di Luglio e Novembre 2018, nonché in altre successive, come risulta anche dall’OdG presentato oggi dal gruppo Chiaravalle Domani, per cui vorremmo sapere quale sia stata la posizione espressa dal Comune di Chiaravalle in sede di riunioni Ata in merito alla possibilità di costruire il biodigestore nella zona della Coppetella, ma soprattutto capire come mai il Consiglio Comunale e la cittadinanza tutta, vista la rilevanza del tema, non siano stati informati dettagliatamente delle risultanze delle riunioni Ata in oggetto, come mai, pur in presenza di questo asse strategico, il Sindaco Bacci abbia indicato per la costruzione del biodigestore un sito come quello della Coppetella nonostante la contrarietà politica del gruppo “Chiaravalle Domani”, espressa oggi in un Ordine del Giorno”. Si passa poi ad una questione che negli ultimi tempi, anche sui social, ha scatenato un acceso dibattito tra i chiaravallesi, ovverosia la pedonalizzazione del centro storico.

“Ci piacerebbe sapere – continua Falà- se sia intenzione da parte di questa amministrazione comunale eleborare un quesito referendario sulla pedonalizzazione di Corso Matteotti da sottoporre all’attenzione di tutta la cittadinanza, e in caso affermativo, a che punto siano i lavori di elaborazione del suddetto quesito, visto che sono passati 13 mesi dall’insediamento di questa amministrazione comunale”. Tra gli argomenti che stanno a cuore al PD anche l’edilizia scolastica.

“Il Comune di Chiaravalle è risultato aggiudicatario del bando Inail per la costruzione di nuovi edifici scolastici, che data addirittura 23 Dicembre 2014 per quanto riguarda lo strumento legislativo, vorremmo sapere se il comune abbia mai avuto contatti con funzionari che seguono il bando Inail e, se sì, a quando risalga l’ultimo e cosa sia stato risposto ai quesiti posti dall’amministrazione; se non sia ritenuto opportuno fare una nuova e differente valutazione circa l’opportunità di finanziare attraverso Inail la costruzione delle scuole, come già avvenuto a Jesi; se gli istituti scolastici abbiano fatto pervenire un elenco con gli interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione ed in caso positivo chiedere quali essi siano; se, visto i notevoli ritardi del bando, il Comune intenda eseguire i lavori, soprattutto quelli di straordinaria manutenzione, sugli edifici interessati dal bando Inail”. Come si vede molta carne al fuoco, molti punti nevralgici che segneranno il destino di Chiaravalle nei mesi a seguire.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it