A Senigallia pioggia record con allagamenti e danni in molte zone della città

A Senigallia pioggia record con allagamenti e danni in molte zone della città

Passata anche l’ultima perturbazione il personale comunale si è messo al lavoro per effettuare tutti i necessari interventi. In serata ha cessato l’attività il Centro operativo comunale

SENIGALLIA – La forte perturbazione abbattutasi anche oggi a Senigallia è definitivamente passata. Gli operai del Comune, il personale della Polizia municipale ed i volontari della Protezione civile si sono messi subito al lavoro, insieme alle imprese private per effettuare tutti i necessari interventi di ripristino nelle aree più colpite. A loro si sono unite anche delle squadre della protezione civile, appositamente inviate dalla Regione Marche.

Le situazioni più critiche hanno interessato via Colombo, via Cavalieri di Vittorio Veneto, alcune strutture alberghiere e certi tratti dell’arenile. Gran parte del lungomare, in seguito alla chiusura dei sottopassaggi, completamente allagati, è rimasta a lungo isolata.

Contestualmente è stata avviata dal personale tecnico del Comune anche la ricognizione dei danni alle alberature del territorio, al fine di poter realizzare quanto prima gli interventi più opportuni per la messa in sicurezza della circolazione viaria.

“Continuiamo a  lavorare – ha detto il sindaco Maurizio Mangialardi – per risolvere nell’ambito delle prossime otto ore tutte le maggiori criticità venutesi a creare tra ieri pomeriggio e stamattina. È bene precisare che gli allagamenti verificatisi in vari punti della città sono riconducibili esclusivamente alle copiose precipitazioni delle ultime ore, che hanno visto cadere ben 57,8 mm di pioggia; i livelli del fiume Misa e del reticolo fluviale minore, infatti, sono rimasti nella norma per tutta la fase dell’allerta. Come sempre il mio ringraziamento va a tutta la filiera delle persone che si sono adoperate fin da ieri pomeriggio per rispondere ai bisogni dei cittadini e per ripristinare i danni provocati dal maltempo”.

Nello specifico, in base ai dati forniti dalla Protezione civile regionale, Senigallia è stato il centro urbano dove è stata osservata la maggior quantità di pioggia caduta nelle ultime 24 ore: 92.4 millimetri, di cui 57. 8, equivalenti a oltre 230 milioni di litri d’acqua, caduti nell’arco di poco più di due ore, tra le ore 10,30 e le 12,45 di oggi, quantitativo ben superiore a quello che un normale sistema fognario cittadino è in grado di smaltire in un tempo così breve.

Ed ovviamente non sono mancate le polemiche. In molte zone della città, tra l’altro, è anche mancata a lungo la corrente elettrica.

In serata, poco dopo le 22, su disposizione del sindaco Maurizio Mangialardi il Centro operativo comunale ha cessato l’attività avviata al mattino. Molti gli interventi eseguiti su tutto il territorio comunale per ripristinare i danni creati dal maltempo su strade ed abitazioni private. Attualmente, coordinate dalla sala operativa comunale, restano operative soltanto alcune squadre di volontari della Protezione civile impegnati a rispondere alle ultime segnalazioni.

QUI SOTTO ALCUNE IMMAGINI DEI DANNI E DEGLI ALLAGAMENTI:

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it