Rifondazione comunista soddisfatta: “Finalmente alcuni sindaci criticano le scelte fatte per il biodigestore di Jesi”

Rifondazione comunista soddisfatta: “Finalmente alcuni sindaci criticano le scelte fatte per il biodigestore di Jesi”

CHIARAVALLE – Rifondazione comunista torna sul problema del biodigestore. “A forza d’insistere qualcuno incomincia a darci ragione. La nostra sollecitazione ai sindaci della bassa Vallesina all’impegno e alla chiarezza sul “biodigestore” di Jesi – sottolinea con una nota Rifondazione – pare abbia sortito qualche effetto e  pure dissipato qualche dubbio. Le dichiarazioni del neo sindaco di Monte San Vito stimolato dal nostro comunicato stampa, siamo contenti di riconoscerlo, vanno nella giusta direzione: critica al percorso sin qui seguito dall’Ato, informazione ai cittadini, progetto aperto e partecipato; ora aspettiamo i fatti  per poter offrire pure il nostro, pur modesto, contributo.

“Anche l’amministrazione comunale di Monsano esterna dubbi e perplessità. Sta quindi, pur tardivo, nascendo un fronte che prima di decisioni così importanti chiede chiarezza, reclama il diritto a partecipare, vuole esplorare  tutte le possibili alternative, ha come obbiettivo, sul tema dei rifiuti, la difesa dell’ ambiente, la tutela della salute pubblica, prima che la redditività  (insomma la borsa) del progetto”.

Poi una riflessione sull’Amministrazione di Chiaravalle: “In questo contesto, il silenzio distratto dell’Amministrazione comunale di Chiaravalle stupisce ancor di più, visto che l’attuale scelta della localizzazione del biodigestore creerebbe anche al nostro territorio nuovi disagi e che, comunque, l’attuale servizio di raccolta e pulizia presenta non poche criticità ed è soggetto a molte critiche da parte dei cittadini. Speriamo che queste novità sveglino pure i sonnolenti e “aiutino “ il Pd della Vallesina  al coraggio, visto che finora a Jesi ci ha regalato solo contorsioni degne dei migliori artisti del “Cirque du Soleil” certamente spettacolari e pure divertenti tuttavia miserrime sul piano politico”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it