“La prossima settima partiranno i lavori per il consolidamento degli argini del fiume Misa”

“La prossima settima partiranno i lavori per il consolidamento degli argini del fiume Misa”

Lo ha affermato il presidente del Consorzio di Bonifica, Claudio Netti, in occasione della presentazione dei prossimi interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico

SENIGALLIA – Presentati questa mattina a Senigallia gli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico sul fiume Misa. A prendere parte all’incontro sono stati il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, l’assessore regionale all’Ambiente Angelo Sciapichetti, il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e il presidente del Consorzio di Bonifica Claudio Netti.

“Anzitutto – spiega il presidente Netti –  la prossima settima partiranno degli ulteriori lavori per il consolidamento degli argini. Inoltre, siamo pronti a presentare a settembre il programma esecutivo degli interventi riguardanti l’intero corso del fiume Misa, che ovviamente interesseranno prioritariamente le maggiori criticità per la sicurezza delle persone e dei beni. Stante però l’importante disponibilità di risorse messe in campo dalla Regione, è ragionevole pensare anche all’esecuzione di progetti il nuovo ponte 2 giugno e la risagomatura dell’alveo del fiume per una gestione idraulica più ordinata del territorio. In ogni caso è fondamentale non creare allarmismi: la Regione e il Consorzio vigilano continuamente il corso del fiume”.

“Grazie al Consorzio di bonifica e all’impostazione che da diverso tempo ci sta dando soddisfazioni – sottolinea il presidente Ceriscioli – la Regione riesce ad avere quel braccio operativo che permette di dare tempi certi e modalità molto rapida all’esecuzione dei progetti. Ci sono le incertezze di sistema, ma quelle non possiamo eliminarle noi, però tutta la parte che fa riferimento alla Regione, Comuni, Genio civile e Consorzio di bonifica si sta dimostrando estremamente efficace”.

“Dopo cinquant’anni di ritardi e indugi vari – conclude il sindaco Mangialardi – oggi si stanno realizzando interventi per la messa in sicurezza del fiume. Di ciò ringrazio la Regione Marche e il Consorzio di Bonifica, anche perché finalmente si lavora in termini di programmazione anziché di emergenza. Ribadisco che, insieme al rafforzamento degli argini, l’escavo rimane una priorità assoluta e inderogabile. Importante anche la scelta della Regione di realizzare una nuova opera per ponte 2 giugno a campata unica e carrabile. Ovviamente sarà poi l’amministrazione comunale a decidere l’eventuale pedonalizzazione”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it