Oltre 3600 persone hanno preso parte a Jesi ad una delle più grandi esercitazioni di protezione civile della regione

Oltre 3600 persone hanno preso parte a Jesi ad una delle più grandi esercitazioni di protezione civile della regione

JESI – Pieno successo per quella che è stata una delle più grandi esercitazioni di protezione civile nella nostra regione, ospitata questa mattina nell’area del palasport di Via Tabano. Oltre 3600 persone registrate, 650 alunni delle scuole della città, 220 operatori interforze, 258 volontari. Numeri imponenti di una iniziativa, giunta alla sua ottava edizione, ideata da Lorenzo Mazzieri insieme a Alessio Avaltroni e un team molto affiatato. Formazione didattica e non solo, per una mattinata che ha visto schierati insieme Aeronautica militare, Capitaneria di Porto, Carabinieri e Carabinieri Forestali, Croce Rossa e Croce Rossa Militare, Guardia di Finanza, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Polizia e Polizia Stradale, Polizia Locale, Soccorso Alpino, Vigili del Fuoco e i volontari delle tante associazioni che compongono questa preziosa realtà di protezione civile.

Tanti gli stand allestiti, dove i ragazzi hanno potuto conoscere, dalla diretta voce dei protagonisti, come lavorano le varie forze in campo in caso di emergenze e calamità naturali. Spettacolare la simulazione di un terremoto, con il crollo di un muro di cartoni che ha sepolto alcune persone e l’arrivo dei vari mezzi di soccorso a sirene spiegate con la ricerca tra le macerie mediante l’ausilio di unità cinofile.

Molti gli studenti che hanno visitato le quattro distinte postazione che i Vigili del Fuoco di Ancona hanno allestito nell’area degli impianti sportivi. Le attrezzature del nucleo NBCR (nucleare, batteriologico, chimico e radioattivo), il posto di comando avanzato UCL (unita comando locale), il carro crolli e i mezzi antincendio boschivo, sono stati mostrati agli ospiti e descritti nella loro funzionalità. La mattinata si è conclusa con la simulazione di un crollo dove la squadra dei vigili del fuoco ha estratto dalle macerie degli infortunati, poi affidati al personale dei soccorsi sanitari. I vigili del fuoco hanno preso parte alla simulazione con 15 uomini e sei automezzi.

“Un grande grazie a tutti i partecipanti – ha detto il sindaco Massimo Bacci durante la visita ai vari stand con gli assessori alla protezione civile Roberto Renzi e al volontariato Paola Lenti – perché è davvero una manifestazione importante. Informare e far conoscere ai più giovani come funziona il sistema di protezione civile e quali sono i comportamenti da tenere è un’azione di prevenzione particolarmente utile. Giunge al termine di un anno scolastico dove sono stati fatti numerosi corsi. Altre iniziative, come Amministrazione comunale, continueremo a farle nelle prossime settimane con incontri tra i quartieri per ricordare il piano di protezione civile comunale e le regole da seguire da parte dei cittadini”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it