Esperti a confronto per rivitalizzare il centro di Urbino

Esperti a confronto per rivitalizzare il centro di Urbino

“Andare oltre il locale ed essere sempre pronti ad un dialogo vero per costruire i progetti per la Urbino del futuro”

URBINO – Questa sera presso la Data – Orto dell’Abbondanza, alle ore 21, le liste CUT, Partito Democratico e Urbino al Centro, per Mario Rosati Sindaco hanno organizzato uno stimolante incontro con Davide Agazzi, consulente del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, dedicato a processi di rigenerazione partecipata di contesti urbani, commerciali e sociali

“Il tempo che stiamo vivendo è portatore di una realtà che mostra una complessità e una velocità di cambiamento a cui non eravamo abituati. Oggi i fenomeni e le criticità devono essere affrontati con una ‘cassetta degli attrezzi’ ben rifornita e con una capacità di lettura dei contesti che si creano molto rapida. Ciò presuppone una predisposizione al cambiamento, alla conoscenza di ciò che ci circonda più da vicino mettendolo in relazione con ciò che può apparire molto distante, al prefigurare ipotesi di futuro che si adattino a valori e principi di riferimento” dichiara Mario Rosati spiegando l’incontro e prosegue: “…a fronte di un distacco dalla politica, ciò che paradossalmente si registra nelle persone è la voglia e la disponibilità a partecipare. Ma ciò accade solo nel momento in cui si creano le occasioni e i contesti adatti. Uno dei problemi principali di Urbino riguarda il suo centro storico e la sua rete commerciale: sono state avviate delle ipotesi di lavoro promosse dall’Associazione Valbona, che riteniamo molto positive, ma crediamo che il compito di una Amministrazione debba essere ancora più ampio e promuovere un metodo di lavoro che riporti la gente ad interessarsi dei propri problemi e, soprattutto, sentirsi partecipe alle soluzioni individuate e messe in atto. Abbiamo chiamato questa iniziativa ‘Si può fare! Esperienze di rigenerazione Urbana, sociale ed economica’ proprio per dimostrare, sulla base di pratiche sperimentate, che è possibile agire in tal senso e ottenere risultati di grande valore. Quanto ci riporteranno Davide Agazzi e Valerio Barberis, Assessore al Centro Storico di Prato, non rappresentano teorie, ma concrete azioni politiche a cui ci ispiriamo, affinché guidino il modo di operare della nostra prossima Amministrazione, fondato sulla condivisione e sulla concertazione”.

In chiusura, Rosati ribadirà le differenze e peculiarità del progetto della coalizione: “L’importante è che il processo non sia solo di facciata, ma effettivo e ispirato dalla volontà e dalla convinzione che questa sia la strada più efficace e maggiormente capace di apportare vantaggi alla comunità, cosa che ci contraddistingue da tutte le altre proposte. Siamo infatti certi, sottolineandolo dal primo momento e ribadito in ogni occasione, che il metodo, il modo in cui si sta insieme e la forma dei rapporti determinino la vera sostanza delle cose: se un progetto nasce da un confronto democratico e aperto, il risultato avrà lo stesso valore e sarà qualcosa in cui tutti si potranno riconoscere e si sentiranno compartecipi; se nasce da un personalismo autoreferenziale, avrà gambe corte e poco spazio di crescita. L’esperienza di questa sera sarà una testimonianza viva di come certi processi possono portare a risultati importanti, così come è stato l’avvio del nostro percorso, che guarda al futuro di una Ubino viva e rigenerata!”

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it