“Anche per i Campionati nazionali di nuoto sincronizzato Uisp la piscina delle Saline può ospitare 500 spettatori”

“Anche per i Campionati nazionali di nuoto sincronizzato Uisp la piscina delle Saline può ospitare 500 spettatori”

Il sindaco Mangialardi: “Il tema delle sicurezza non è negoziabile e può essere affrontato soltanto rispettando la normativa vigente”

SENIGALLIA – “A seguito di alcune lamentele pervenutemi sulle modalità di accesso di atleti, genitori e pubblico all’impianto delle Saline in occasione del Campionato nazionale di nuoto sincronizzato Uisp, è mia intenzione fare piena chiarezza rispetto a un tema, quello della sicurezza, che non ritengo negoziabile e che per quanto mi riguarda può essere affrontato in unico modo: rispettando alla lettera la normativa vigente”.

Così il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi sulle polemiche sollevate da alcuni genitori riguardanti le restrizioni all’accesso agli spalti e a bordo piscina nell’impianto delle Saline per assistere alle gare del Campionato nazionale di nuoto sincronizzato Uisp, in programma in questi giorni. La capienza di tale impianto, infatti, è da sempre di 745 posti, di cui 500 per gli spettatori. L’alta partecipazione fatta registrare dall’evento ha quindi suggerito come modalità di ingresso l’utilizzo di pass gestiti dal soggetto organizzatore con lo scopo di permettere comunque a quante più persone possibile di assistere alle esibizioni e alle gare in programma in modo ordinato e nel rispetto della normativa.

“Spero si comprenda bene – aggiunge il sindaco – che il Comune di Senigallia, pur felice di ospitare manifestazioni di prestigio e caratura nazionale come questa, non è né l’organizzatore della manifestazione né può, come proprietario e responsabile dell’impianto, in alcun modo derogare rispetto al limite di capienza complessiva dell’impianto sportivo e pertanto alla sicurezza di quanti, atleti, accompagnatori e parenti utilizzeranno l’impianto sportivo”.

“Ci tengo infine a precisare – conclude Mangialardi – che il Comune di Senigallia, in questa come in altre occasioni, affitta l’impianto sportivo al soggetto organizzatore. È a quest’ultimo, pertanto, che vanno inoltrate proposte o richieste per una migliore gestione dell’evento, salvo, come già sottolineato, il rispetto delle inderogabili normative”.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it