Inaugurata a Senigallia la rassegna espositiva “C’era una volta la fotografia”

Inaugurata a Senigallia la rassegna espositiva “C’era una volta la fotografia”

SENIGALLIA – Inaugurata la rassegna espositiva “C’era una volta la fotografia”. L’evento, curato da Serge Plantureux con la collaborazione di Francesca Bonetti, prevede due mostre che saranno visitabili fino al prossimo 2 giugno.

La prima, intitolata “Cavalli Ferroni Giacomelli. Scatti inediti dagli archivi di Senigallia”, è allestita a Palazzo del Duca e raccoglie una serie di inediti dei tre grandi maestri della Scuola del Misa provenienti da collezioni private. Si tratta di scatti mai visti prima e selezionati per l’occasione dallo stesso Plantureux.

La seconda mostra invece, “Piccoli tesori dell’800. Marubbi, Naretti, Callotipi, Dagherrotipi e variazioni”, è uno straordinario racconto per immagini di popoli e terre lontane, ed è allestita a Palazzetto Baviera con fotografie storiche risalenti al periodo compreso tra la metà dell’Ottocento e i primi del Novecento, tra cui le serie albanesi di Pietro Marubbi e quelle coloniali di Luigi Naretti. Inoltre, l’esposizione è completata da preziosi dagguerotipi, callotipi e modelli del conte Minutoli, oltre che da stampe europee di fine Ottocento.

“Forti dei recenti successi fatti registrare dalle mostre dedicate a Robert Doisneau, Aleksandr Rodčenko e Coşkun Aşar – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – inauguriamo la nuova stagione espositiva con un evento destinato a lasciare il segno e a rafforzare il brand di Senigallia Città della Fotografia. Di fatto si tratta dell’anteprima della Biennale che andremo a sviluppare nei prossimi mesi e che coniuga due prestigiose mostre: una che parla di noi, del nostro territorio e dei nostri maestri della fotografia, mentre l’altra guarda alla storia mondiale di quest’arte e ai suoi albori. Il mio ringraziamento va a Serge Plantureux, che ha curato l’evento, e ovviamente alla Regione Marche e alla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, che continuano a sostenere concretamente e con grande entusiasmo la programmazione culturale della nostra Amministrazione”.

Le mostre sono visitabili da mercoledì a venerdì, dalle ore 15 alle ore 19, e il sabato e la domenica, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 19.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it