Il Pd di Urbino: “La Fano-Grosseto resta un’arteria strategica per il territorio interno della Val Metauro”

Il Pd di Urbino: “La Fano-Grosseto resta un’arteria strategica per il territorio interno della Val Metauro”

di LORENZO SANTI*

URBINO – Come PD di Urbino, insieme a Rosati Sindaco e ai suoi alleati CUT e Urbino al Centro, riteniamo che la Fano-Grosseto resti una arteria strategica per il territorio interno della Val Metauro, per consentire uno sviluppo adeguato dei territori e per favorire un turismo, che possa interessare non solo Urbino ma anche i paesi che gravitano su di essa. Non si può pensare di abbandonare un asse stradale che ha visto investimenti ingenti nell’arco ormai di più di trent’anni.  Sarebbe un inutile spreco di denaro pubblico, oltre ad un danno ambientale certo.

Si ribadisce quindi l’importanza della realizzazione del lotto 10, che andrebbe a collegare Canavaccio alla bretella di Urbino, per poi proseguire con il progetto originario della Provincia a quattro corsie, fino alla galleria della Guinza, di modo che già da subito si possa godere di un miglioramento netto della viabilità interna verso tali zone.  Detto ciò, caldeggiare il prolungamento della superstrada per Cantiano verso Gubbio, per agganciarla alla quadrilatero, risulta un intervento interessante, senza però invalidare la realizzazione della Fano Grosseto.

Sicuramente un intervento che richiederebbe minori risorse economiche e che va ad interessare un’altra vallata, a conferma della necessità impellente di connettere le nostre aree con le zone poste al di là dell’Appennino, per contrastare finalmente l’isolamento a cui ancora oggi siamo relegati.

*Segretario Pd – Urbino

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it