Venerdì sera al Teatro Valle di Chiaravalle torna il Teatro del Sorriso con “La morte e la fanciulla”

Venerdì sera al Teatro Valle di Chiaravalle torna il Teatro del Sorriso con “La morte e la fanciulla”

di FABRIZIO ILACQUA

CHIARAVALLE – Il Teatro del Sorriso di Ancona torna, venerdì prossimo, 22 marzo, al Teatro Valle per portare in scena, nell’ambito della XV edizione della rassegna di “A teatro con noi” , dopo il successo ottenuto allo Sperimentale di Ancona, la piece di Ariel Dorfman, “La morte e la fanciulla”.

L’apprezzata compagnia del capoluogo dorico, torna, dunque, al Valle dove lo scorso 9 febbraio aveva portato in scena la piece di Patrizio Cigliano “Dritto al cuore”, atto unico sulla questione israelo palestinese. Anche stavolta alla regia e all’aiuto regia, rispettivamente Gianpiero Piantadosi e Paola Pasquini.

A calcare le assi del teatro chiaravallese, saranno invece Annarita Sordoni, Riccardo Rossi e Sergio Armani. Una piece che tocca i temi delicati dei diritti umani violati e della sete di giustizia che anima le vittime. Tra la sete di giustizia e la volontà di vendetta il confine è sottilissimo e labile e proprio su questo crinale ripido si muove la piece e si intrecciano i rapporti fra i tre personaggi. Dorfman pone l’accento, non disdegnando anche di sconfinare nel genere giallo, attraverso una prosa teatrale viva e ricca, proprio sugli aspetti più violenti della dittatura: le torture, la violenza psicologica e la scomparsa senza lasciare traccia di moltissime vittime, che vengono ricordate con un termine ormai tristemente noto, desaparecidos.

Tutto si svolge in una villa in riva al mare, in una località del sudamerica (presumibilmente Cile o Argentina) , proprio all’indomani della fine di una dittatura che ha lasciato, come inevitabile che sia, più di una ferita aperta. Una piece intensa e ricca di colpi di scena, un crescendo di suspanse tutto da gustare.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it