Studenti francesi a Senigallia accolti dal Liceo Medi nell’ambito del progetto europeo Erasmus Plus sull’inclusione, contro ogni discriminazione

Studenti francesi a Senigallia accolti dal Liceo Medi nell’ambito del progetto europeo Erasmus Plus sull’inclusione, contro ogni discriminazione

SENIGALLIA – Infondere nei propri studenti un vero spirito di cittadinanza europea: è questo l’intento del Liceo “Medi” di Senigallia , che in questi giorni accoglie un nutrito gruppo di alunni francesi del Lycée “Savina” di Tréguier, cittadina della Bretagna, per un progetto Erasmus Plus iniziato lo scorso anno e intitolato “PALS”, acronimo di “Performing Arts for Life Skills” (ovvero l’arte del teatro per imparare la vita), ma anche “amici” in inglese.

Nel 2018 una classe del liceo è stata accolta per dieci giorni in Francia, presso l’istituto guidato dalla dirigente scolastica Catherine Dando-Mathieu, lavorando alla prima parte di questo percorso, ed ora sono i ragazzi transalpini, accompagnati dai loro insegnanti, ad essere ospitati dalle famiglie degli studenti del “Medi”. Il progetto nasce con l’obiettivo di promuovere l’inclusione, il rispetto ed il rifiuto di ogni discriminazione , affrontando temi molto vicini ai ragazzi, come il bullismo, le disuguaglianze, l’esclusione, e di aiutare i ragazzi a diventare custodi dei valori di giustizia, uguaglianza e solidarietà .

Strumento privilegiato per promuovere questi temi è il teatro, poiché permette di creare ponti tra le diversità e di dare voce e visibilità a diversi talenti e personalità, portando a modificare l’immagine di sé, facendo cadere idee precostituite e aprendo la possibilità di guardare il mondo da angolazioni diverse. In quest’ottica, i ragazzi francesi ed italiani si stanno cimentando nella preparazione di uno spettacolo dal titolo “Macaroni Cheese?”, che andrà in scena il prossimo venerdì 22 marzo alle ore 19,30 presso il Teatro del Portone, con ingresso libero.

Questa pièce, recitata in inglese e in francese , mette in scena la storia di un’adolescente che vive un’esistenza complessa e sogna una vita diversa, tra esperienze tragicomiche e numerosi imprevisti. La storia è liberamente ispirata ad un testo dell’autore scozzese David Greig, che ha lavorato con alcuni giovani in situazioni familiari difficili prima di approdare alla scrittura definitiva di questa commedia, in cui gli alunni italiani e francesi esplorano diversi elementi del gioco teatrale, in una messa in scena che ricorda un allegro momento di prove.

L’aspetto più entusiasmante di questa esperienza di scambio è proprio lo stare insieme dei ragazzi , che scoprono la bellezza dell’amicizia e della cooperazione oltrepassando le frontiere : il progetto Erasmus Plus, finanziato dall’Unione Europea, diventa così, oltre che un modo per sviluppare le proprie competenze linguistiche e culturali, anche un potente mezzo di pace, riconciliazione e confronto su temi importanti dentro e fuori dalla scuola. Lo scambio prevede inoltre momenti di svago e di conoscenza del territorio, come avvenuto nella giornata di lunedì 18 marzo , quando i ragazzi francesi hanno scoperto le bellezze di Senigallia attraverso una caccia al tesoro organizzata dai loro amici italiani e successivamente, accompagnati dal Dirigente Scolastico del Liceo “Medi” Daniele Sordoni e dai loro insegnanti, sono stati accolti in Municipio dal prof. Mario Cavallari, portavoce del Sindaco Mangialardi, e dal consigliere delegato alla Cultura, Mauro Pierfederici . Molti i docenti coinvolti nel progetto: per il liceo di Senigallia Veronica Keohane, Francesca Berardi, Donatella Discepoli, Thomas Mattei, Lorenzo Savini, Matteo Scarabotti, Annapaola Tombesi, Isabelle Valcher, Romina Veschi; per l’istituto francese, Anne Huonnic, Fanny Dellerie, Alan Godest, Chris Guillou e Valérie Hamon.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it