“Santità, abbiamo un figlio in cielo e si chiama come Lei”: i genitori di Francesco Saccinto ricevuti dal Papa

“Santità, abbiamo un figlio in cielo e si chiama come Lei”: i genitori di Francesco Saccinto ricevuti dal Papa

All’udienza in Piazza San Pietro hanno preso parte anche i ragazzi dell’associazione Rose Bianche sull’Asfalto

CITTA’ DEL VATICANO – “Abbiamo un figlio in cielo Santità e si chiama come Lei”: è iniziata così, questa mattina, in Piazza San Pietro, l’udienza privata da Papa Francesco di mamma Simonetta Pelliccia, di papà Vittorio Saccinto e dei ragazzi delle Rose Bianche sull’Asfalto (Nicolas, Emanuele, Valerio, Matteo, Gianluca, Camilla e Filippo). Udienza organizzata nel ricordo di Francesco Saccio Saccinto.

Un incontro commovente, quello con il Pontefice, particolarmente sentito dai genitori di Saccio e dai ragazzi dell’associazione corinaldese.

Nell’occasione è stata brevemente raccontata a Papa Francesco la storia di Francesco Saccinto e le esperienze dell’associazione. Al Pontefice è stata anche consegnata una felpa dell’associazione, con scritto, sulla destra, il suo nome.

“Una giornata – spigano Simonetta e Vittorio Saccinto – che rimarrà nei nostri cuori per sempre. Il ringraziamento più grande è per il nostro Vescovo Franco che ha permesso a noi genitori e ai ragazzi delle Rose Bianche sull’asfalto di realizzare questo incontro”.

L’associazione Rose Bianche sull’Asfalto, nata per volontà dei compagni di scuola di Francesco Saccinto, subito dopo l’incidente mortale del 10 settembre 2013, ha girato l’Italia e continua a farlo, promuovendo anche  il docu-film di Luca Pagliari Ogni Giorno visto ormai da migliaia di studenti per 60 proiezioni, grazie anche alla collaborazione con la comunità di San Patrignano.

Lo scopo sociale dell’associazione corinaldese è la prevenzione e la sensibilizzazione all’uso e all’abuso di sostanze stupefacenti e alcol, soprattutto quando si è alla guida di mezzi.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it