Recuperata all’alba la salma dell’operaio morto nell’incidente sulla piattaforma al largo di Falconara

Recuperata all’alba la salma dell’operaio morto nell’incidente sulla piattaforma al largo di Falconara

FALCONARA – E’ stato recuperato questa mattina, poco dopo le 5, il corpo senza vita del gruista Egidio Benedetto, morto martedì pomeriggio nell’incidente accaduto sulla piattaforma Barbara F. dell’Eni, al largo di Falconara.

Il recupero è stato effettuato dal Rov (Remotely Operated Vehicle), il veicolo subacqueo filoguidato, a controllo remoto, dei vigili del fuoco, arrivato nell’area dell’incidente nella serata di martedì.

La salma, a bordo di una motovedetta della Guardia Costiera, è stata quindi portata nel porto di Ancona.

Migliorano, invece, all’ospedale di Torrette, le condizioni degli altri due operai rimasti feriti nell’incidente di martedì.

Nel contempo, nell’area della piattaforma, a 32 miglia al largo della costa, stanno proseguendo le necessarie operazioni per recuperare la cabina della gru, individuata sul fondo del mare, a 70 metri di profondità.

Sul posto, oltre ai vigili del fuoco è presente il personale della Guardia Costiera.

Tutto questo mentre, dopo l’incidente sulla piattaforma dell’Eni, continuano le polemiche. Per non dimenticare l’ennesima morte nel mare e contro gli incidenti nei luoghi di lavoro,  la Filt Cgil Marche, assieme ai responsabili del sito sicurezza del porto di Ancona, ha organizzato  per giovedì 7 marzo, un’iniziativa  proprio nell’area portuale con un sit-in nel piazzale antistante i rimorchiatori dello scalo (la zona del Porto Antico).

L’iniziativa prenderà il via alle ore 11,30 e si concluderà alle 12 con il suono delle sirene delle navi.

 

 

 

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it