La Polizia identifica a Fano un ricettatore e recupera il provento di numerosi furti commessi nei mesi scorsi

La Polizia identifica a Fano un ricettatore e recupera il provento di numerosi furti commessi nei mesi scorsi

FANO – Personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Fano, nell’ambito di un’indagine per il contrasto ai reati contro il patrimonio, ha identificato una persona sospettata di essere un ricettatore e recuperato svariata refurtiva trafugata all’interno di abitazioni, di auto e di esercizi commerciali.

Le investigazioni degli agenti, coordinati dal dirigente del Commissariato dott. Stefano Seretti, prendevano spunto da un furto consumato nel mese di dicembre 2018 ai danni del centro sportivo “la Combattente”, a seguito del quale veniva tratto in arresto un giovane albanese.

Le successiva indagini permettevano di risalire a un uomo di 32 anni, di origine sarda, già noto alle forze dell’ordine, sospettato di essere il ricettatore della refurtiva del furto in questione e anche di altri colpi consumati a Fano.

La perquisizione effettuata all’interno dell’abitazione del trentaduenne portava al rinvenimento del bottino proveniente dal centro sportivo, oltre ad altri oggetti, buona parte dei quali in seguito riconosciuti dai legittimi proprietari, sottratti nei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2018 da abitazioni e da autovetture nei quartieri di Sant’Orso, Vallato, Trave e Flaminio.

Sono in corso accertamenti finalizzati a risalire alla provenienza dei restanti beni rinvenuti quali anelli, orologi, occhiali, attrezzi per lo sport e il tempo libero e altro. Per tale motivo si invitano coloro che, nel periodo e nelle zone su indicate dovessero aver subito furti, a contattare il Commissariato di P.S. di Fano per i riconoscimenti del caso.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it