Con Convivio nella Città di Pergolesi si respira il ‘700

Con Convivio nella Città di Pergolesi si respira il ‘700

Un prestigioso appuntamento di cena, musica, danza e giochi dell’epoca. Sede di eccezione Palazzo Honorati Carotti, cornice originale autentica del periodo

JESI – A Jesi, sabato 2 marzo con inizio alle ore 20.30 fino a dopo la mezzanotte, si darà la prova inconfutabile che “Nella Città di Pergolesi si respira il ‘700”, come recita il motto della Rassegna “Jesi Barocca” in cui è inserito l’evento in questione. Un evento di grande prestigio e caratterizzazione, la cui ampia offerta lo rende senza eguali nelle Marche e raro anche a livello nazionale: cena settecentesca, concerto di stile galante, ballo barocco, tavolo da gioco d’epoca, socialità raffinata, tutto nella cornice autentica di un palazzo aristocratico di primo ‘700, magnifica dimora gentilizia che moltiplica l’emozione di vivere tale serata nei suoi spazi originari. Si tratta del GRAN GALA CONVIVIO ‘700, alla seconda edizione dopo il grande successo riscontrato lo scorso anno, che si svolge nelle diverse sale del piano nobile di Palazzo Honorati Carotti, capolavoro architettonico e scrigno d’arte originale del primo ‘700, cornice di lusso quale migliore non si potrebbe dare per la rara iniziativa che si configura senza dubbio come preziosa esperienza emozionale tra Arte, Storia, Degustazione e Divertimento.

Fulcro del Convivio è certamente la cena, allestita nel meraviglioso Salone degli Stucchi e nelle adiacenti salette privè affrescate dal pittore Domenico Valeri: quattro entrate servite al tavolo in grande stile, su ricette del celebre cuoco marchigiano Antonio Nebbia codificate nel 1779, oggi riproposte dal Ristorante Due Cigni di Montecosaro con la Chèf Rosaria Morganti che ne è riconosciuta pluripremiata specialista; a seguire, nel Salone delle Feste, il concerto, eseguito dall’Ensemble “Le Dame dell’Accademia” in costume d’epoca. In abito del tempo, nella Sala delle Vele, anche il Maestro di danza e cerimonia Davide Vecchi, che introduce al momento del ballo barocco e guida i passi del pubblico che vi si voglia cimentare; in contemporanea, nella sala attigua trasformata in “ridotto per il gioco”, in costume anche Francesca Volpini e Marco Gilio, esperti storici e croupier che al “tavolo verde” presentano i giochi più in voga all’epoca –dal Faraone alla Bassetta, al Biribiss- invitando i presenti a misurarsi con essi sfidando la sorte e gli altri giocatori, ovviamente solo per divertimento e senza reale posta monetaria.

Promossa da Fondazione “Alessandro Lanari” in collaborazione con il Comune di Jesi e vari partner istituzionali pubblici e privati, la speciale serata è un vero tuffo negli usi sociali e nelle atmosfere culturali dell’epoca, tanto più valorizzati ed esaltati dall’ambiente storico autentico e originale del prestigioso palazzo signorile –una delle dimore aristocratiche più belle della Città e della regione- che per una volta torna a vivere a tutto tondo gli antichi splendori: un’emozione più unica che rara, che è possibile innalzare al massimo grado volendovi intervenire in costume d’epoca, come in parecchi hanno fatto nell’edizione 2018. A tal proposito, grazie ad appositi accordi con l’organizzazione, la Fondazione Pergolesi Spontini apre in via eccezionale la possibilità di noleggio degli abiti d’epoca di proprietà del Teatro “Pergolesi”. Le adesioni al Convivio -65 euro a testa- si possono fare direttamente alla Biglietteria del Teatro stesso (0731-206888).

Info, Fondazione “Lanari”: 0731-4684; 338-8388746; info@fondazionelanari.it

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.laltrogiornale.it